Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiusura anticipata e cene vietate per fermare il Covid, i ristoratori: ”Fateci lavorare”

AgrigentoNotizie, dopo il nuovo Dpcm del presidente del Consiglio, ha incontrato imprenditori e lavoratori. Lo chef: "Ho tanta paura di restare nuovamente a casa fermo per mesi"

 

I ristoratori hanno l'obbligo della chiusura anticipata alle ore18. E per le consumazioni ai tavoli potranno accomodarsi solo 4 persone non conviventi. Tra i settori più penalizzati dalle misure introdotte dall’ultimo Dpcm, c’è anche quello della ristorazione. Titolari e gestori di pizzerie e ristoranti, dopo il lockdown, avevano investito denaro - e non poco - per aderguarsi alle stringenti misure sanitarie. Adesso, la nuova "doccia fredda" con regole che resteranno valide fino 24 novembre. 

Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci
Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

Dopo le ore 18, i ristoranti potranno comunque continuare a lavorare con le consegne a domicilio o con l’asporto dei cibi. Ma non è - e non sarà - semplice. AgrigentoNotizie ha incontrato i titolari di due noti ristoranti di Agrigento. “Siamo amareggiati, vogliamo solo lavorare – dice Melinda Casula – . Ci stiamo adeguando all’asporto e al domicilio, ma il ristorante è consumo al tavolo. Abbiamo bisogno di lavorare fino a tardi, questa chiusura alle ore 18 non ha senso”.

Nuovo Dpcm di Conte, serpeggia la protesta tra i commercianti: pronti a scendere in piazza

Saracinesche abbassate e location della movida deserte, gli imprenditori: "Chiusi fino a data da destinarsi"

Non tutti i ristoratori comunque si stanno organizzando con il servizio da asporto e della consegna del cibo a domicilio, modalità che stravolgono totalmente il concetto stesso di ristorante. “Ad Agrigento – dice, ai microfoni di AgrigentoNotizie, il ristoratore Alfonso Sanfilippo – non c’è la cultura del pranzo fuori, per noi significa perdere almeno il novanta per cento dei clienti”. Di sensibile calo del fatturato parla anche il ristoratore Gabriele Arcieri: ”Questo nuovo stop – dice ad AgrigentoNotizie – ci porta a perdere il settanta per cento del fatturato. Molti dei miei collaboratori – aggiunge – oggi sono a casa perché hanno perso il lavoro. Chiediamo un sostegno per il personale”. I mancati introiti e le spese di gestione delle attività sono delle reali insidie per i livelli occupazionali degli operatori della ristorazione.  “Ho tanta paura di restare nuovamente a casa fermo per tanti mesi– dice, ad AgrigentoNotizie, lo chef Marco Cannamela – noi vogliamo lavorare”.

Teatri chiusi e operatori dello spettacolo in ginocchio, Aronica: "C’è in gioco la vita dei nostri figli”
Teatri chiusi e operatori dello spettacolo in ginocchio, Aronica: "C’è in gioco la vita dei nostri figli”

 

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/coronavirus-dpcm-chiusura-teatri.html

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento