Coronavirus, in Sicilia netto aumento dei contagi: 89 nuovi casi

E' la Regione con l'incremento maggiore in 24 ore. Pesano i 64 migranti positivi accertati nel Ragusano. L'assessore alla Salute tuona: "Pesanti sottovalutazioni da Roma"

(foto ARCHIVIO)

Schizzano i nuovi positivi al Covid-19 in Sicilia: 89 nuovi casi in 24 ore. Cifra sulla quale pesano però i migranti contagiati che si trovano nel Ragusano, ovvero 64. (E' di 71 il totale degli extracomunitari risultati positivi se si guarda a tutta la regione ndr). Secondo i dati del ministero della Salute adesso nell'Isola il totale dei positivi è di 538 persone. I ricoverati con sintomi sono 44 (un paziente in meno rispetto a ieri) e in Terapia intensiva ci sono sei persone per un totale di 50 ospedalizzzati. Sale da 399 a 488 il numero delle persone in isolamento domiciliare. C'è un guarito in più, che porta il numero a 2.752 e i decessi sono fermi a 284. 

Questa la situazione nelle province dell'isola: Ragusa segna un incremento di 72 casi. Poi molto staccate le altre provice: Siracusa + 7, 
Catania + 5; Palermo + 5. Nessun nuovo caso a Messina, Enna, Trapani e Caltanissetta.

11 agosto-2

La questione migranti

E' ancora infuocato il dibattito sulla gestione dei migranti. L'assessore alla Salute Ruggero Razza ha reso noto che "a Pozzallo altri 64 migranti sono risultati positivi al Coronavirus. Tutto questo in un solo giorno! Spero che adesso si capisca perché da mesi parliamo della necessità di un protocollo sanitario e di pesanti sottovalutazioni da parte di Roma". Per Razza "le (non) decisioni adottate stanno contribuendo drasticamente al contagio continuo dei migranti tra loro con pesanti ripercussioni in termini di sicurezza - ha aggiunto -. Spero che ora tutti comprendano che nessuno ha mai voluto strumentalizzare alcunché: semmai si sta verificando semplicemente quello che avevamo rappresentato da subito alle autorità competenti. Basta. La Sicilia non lo merita!”.

Vacanzieri contagiati

In queste ore a fare discutere non è solo la vicenda dei migranti ma anche quella dei vacanzieri, italianissimi, che tornando a casa dopo un soggiorno all'estero e risultano positivi. "Sono preoccupato per coloro che tornano dalle vacanze. I casi di contagio riguardano più queste persone che non i migranti che vengono controllati e quarantenati", ha detto il viceministro della salute, Pierpaolo Sileri, intervenuto in merito al rischio che la curva dei contagi possa impennarsi. Intervistato durante la trasmissione “Agorà” su RaiTre, Sileri ha ribadito la necessità di prestare "massima attenzione" ai migranti, che "devono essere testati" e "controllati perché non devono fuggire”, ma si è definito "più preoccupato dei casi che arrivano in business class”, riferendosi ai numeri casi di positivi riscontrati in seguito al ritorno di numerose persone da vacanze all’estero. Al momento infatti, ha fatto notare Sileri, i contagi "che osserviamo sono più dovuti a persone che tornano dalle vacanze. Ne abbiamo diversi di focolai che sono stati circoscritti e chiusi".

La situazione in Italia

Sono 412 i casi registrati nelle ultime 24 ore, in crescita rispetto ai 259 di ieri quando però erano stati analizzati solo 26 mila tamponi contro i 40 mila odierni. 

Totale casi: 251.237 +412

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Deceduti: 35.215 (+6)
Dimessi/Guariti: 202.461 (+213)
Ricoverati in Terapia Intensiva: 49 (+3)
Ricoverati con sintomi: 801 (+22)
Tamponi: 40.642
Attualmente positivi: 13.561 (+193) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento