Coronavirus, boom di tamponi (2.631): 62 i casi positivi sull'isola e 4 in provincia, diminuiscono i ricoveri

I numeri della Regione: il totale dei contagiati dall'inizio dell'emergenza sale a 2.364. Restano 2.001 gli attuali positivi: di questi 620 (-10) sono ricoverati, in quattro escono dalla terapia intensiva. Sei i morti, 22 i nuovi guariti

(foto ARCHIVIO)

Boom di tamponi e contagi contenuti. Sono 2.631 i test validati dai laboratori regionali nelle ultime 24 ore, di questi ne sono stati trovati positivi 62 (2,3%). Dall'inizio dei controlli dunque i tamponi effettuati in Sicilia sono stati 33.787, mentre il totale dei contagiati sale a 2.364. 

Attualmente restano ancora contagiate 2.001 persone (+34), mentre 209 sono guarite (+22 rispetto a ieri) e 154 decedute (+6). Degli attuali positivi, 620 pazienti (-10) sono ricoverati - di cui 58 in terapia intensiva (-4) - mentre 1.381 (+44) sono in isolamento domiciliare.

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 17 di oggi (sabato 11 aprile), in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.

Il dato provinciale

Secondo quanto la Regione ha comunicato all'unità di crisi nazionale, per Agrigento e provincia le persone "attualmente positive" sono complessivamente 120. Quattro in più rispetto a ieri. Di questi, nessuno oggi risulta ricoverato, una persona è come noto deceduta e 2 sono i guariti. Una di queste è di Agrigento: un giovane che accusava evidenti sintomi del coronavirus con febbre e problemi respiratori. Questa la divisione degli attuali positivi nelle altre province: Caltanissetta, 102 (21 ricoverati, 5 guariti, 9 deceduti); Catania, 570 (138, 47, 55); Enna, 281 (179, 16, 19); Messina, 356 (146, 24, 32); Palermo, 297 (70, 39, 15); Ragusa, 53 (11, 4, 4); Siracusa, 92 (48, 34, 9); Trapani, 100 (17, 16, 4). 

Salgono a 22 i positivi nella Clinica Villa Eleonora

Con l’ultima tranche di tamponi inviati in laboratorio salgono complessivamente a 22 i casi di contagio da Coronavirus a Villa Maria Eleonora. Nel caos dei numeri che avvolge il focolaio della clinica privata di viale Regione, è l’assessorato regionale alla Salute a fornire l'ultimo aggiornamento: "Alla luce delle diverse indiscrezioni di stampa sul numero delle persone contagiate l’assessorato fa sapere che, al momento, il totale dei soggetti positivi è 22 su 149 tamponi già processati. L'assessorato comunica inoltre che verrà disposta una ispezione". Tre dei positivi sono dipendenti della struttura, che sono stati trasferiti all'hotel San Paolo. 

Pronte le prime 30 mila mascherine del distretto Meccatronica

Sono oltre 30 mila le mascherine chirurgiche "made in Sicily" consegnate finora dalle aziende del distretto Meccatronica, che in tempi record hanno diversificato le produzioni per fronteggiare l'emergenza Covid-19. Settecento sono le visiere in 3D per i medici, commessa ordinata dalla Protezione civile regionale per rifornire gli ospedali siciliani, e circa 16.000 i litri di gel igienizzante distribuiti al momento sul mercato.

Come leggere i numeri

I numeri vanno letti e interpretati, se si vuole davvero capire come evolve, in positivo o in negativo, un'epidemia. E si rischia di incorrere in particolare in un equivoco, che va spiegato. Quali sono i numeri che vanno analizzati per capire "come sta andando"? Sono prevalentemente due: i decessi, che sono il dato purtroppo più attuale e più correlabile quindi all'andamento della curva epidemica giorno dopo giorno. E poi il numero di casi totali, perché come detto è solo quello che dà conto di aumenti o diminuzioni nei contagi.

Ovviamente è molto importante per tutti anche il numero dei guariti, ma è un dato clinico, non epidemiologico: se ad esempio domani ci fossero 300 nuovi casi e guarissero tutti all'istante, facendo un'ipotesi estrema, pur essendo una splendida notizia non cambierebbe nulla sul piano della curva epidemiologica, che risulterebbe in salita di 300 casi.

Ecco perché il dato che più trae in inganno è quello degli "attualmente positivi". Molti fraintendendo lo considerano il numero dei nuovi contagiati del giorno, ma è evidente che non è così. Si tratta solo del "paniere" dei malati totali di Coronavirus a cui via via vengono sottratti i morti e i guariti. Dipende quindi non dal numero di persone che fisicamente il giorno prima sono state sottoposte a tampone e dichiarate positive, ma dagli altri due fattori, morti e guariti. Ed ecco perché si crea l'equivoco: se aumentano guariti e deceduti è inevitabile che calino gli "attualmente positivi", il che non vuol dire affatto che ci siano meno contagi oggi rispetto a ieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento