rotate-mobile
Martedì, 28 Giugno 2022
Cronaca

"Concussione", condanna definitiva per ex dirigente dell'Asp

La Cassazione ha ritenuto inammissibile il ricorso presentato dalla difesa ed ha, dunque, confermato i tre anni di reclusione per Vincenzo Pinella

La Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dalla difesa. La sentenza a tre anni di reclusione, per concussione, a carico di Vincenzo Pinella, ex dirigente dell'Asp di Agrigento, è definitiva. Lo scrive il Giornale di Sicilia. 

Pinella, che aveva scontato un periodo ai domiciliari, essendo la pena residua inferiore ai tre anni, potrà ottenere l’affidamento in prova ai servizi sociali. L’ex dirigente Asp era accusato di avere rallentato autorizzazioni e pareri igienico sanitari alla "Rocco Forte" per costringere il gruppo ad assumere il figlio. Quest’ultimo, nel processo di primo grado, è stato assolto per non avere commesso il fatto. La Procura di Sciacca non ha appellato la sentenza e, quindi, l’assoluzione è già, da anni, definitiva.

I legali di Pinella, gli avvocati Bartolomeo Parrino e Ottaviano Pavone, hanno sempre chiesto l’assoluzione perché il fatto non sussiste. Hanno sostenuto, nei diversi gradi di giudizio, che l’ex dirigente Asp non ha mai rallentato il rilascio delle autorizzazioni ma che la competenza sulle autorizzazioni, nell’ipotesi di ritardo, avrebbe potuto essere trasferita ad altri all’interno dell’Asp. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Concussione", condanna definitiva per ex dirigente dell'Asp

AgrigentoNotizie è in caricamento