rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Tribunale

Nuova "tegola" per il Comune, niente accordo sul pluripiano: chiesti danni per un milione e mezzo

Si era cercato un punto di contatto con il privato per scongiurare il maxirisarcimento, ma il banco è saltato

L'ipotesi di un completamento a breve (si fa per dire) termine del parcheggio pluripiano di piazzale Rosselli è, ormai, a tutti gli effetti tramontata.

L'unico spiraglio che era stato individuato era connesso alla condanna in primo grado del Comune di Agrigento ad un risarcimento da 1 milione e mezzo di euro che l'ente avrebbe dovuto riconoscere alla società Soredil, capogruppo della Rti composto dalle imprese Cepi srl e Icam srl, oltre all’azienda Akrapark che, nel 2010, si aggiudicarono i lavori di completamento e successiva gestione della struttura. 

Una procedura bloccatasi nel 2012 in seguito ad un'interdittiva antimafia che venne poi azzerata dal Cga. 

Il confronto con i privati verteva sulla possibilità di trovare una soluzione extragiudiziaria dopo la condanna, ottenendo il completamento della struttura e il ristoro dovuto alle imprese. Una sintesi che però non è stata trovata, tanto che il Comune sta adesso ricorrendo alla corte d'appello contro la sentenza di condanna nella speranza di non dover pagare il maxi risarcimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova "tegola" per il Comune, niente accordo sul pluripiano: chiesti danni per un milione e mezzo

AgrigentoNotizie è in caricamento