menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiesetta delle Forche in abbandono, Italia Nostra: "Pronti a gestirla"

La struttura è comunale e risale al XVI secolo, ma per lungo tempo è stata dimenticata e oggi necessita di interventi

Drammatico stato di abbandono della chiesetta delle Forche, Italia Nostra chiede interventi celeri per salvare un piccolo gioiello del centro storico cittadino.

La struttura, per chi non la conoscesse, si trova appunto nella zona delle Forche, nei pressi della Rupe Atena ed era cappella cimiteriale di un piccolo cimitero fino al 16esimo secolo, poi usato nel 1800 come fossa comune durante l'epidemia di Colera della città e successivamente abbandonato quando si decise di trasferire i cimiteri fuori dalle mura cittadine (come ad esempio Bonamorone).

La chiesetta è di proprietà del Comune ed è da tanti anni in stato di abbandono: anzi, per lungo tempo è stato persino impossibile risalire a chi fosse stata affidata."Si tratta di un edificio significativo dal punto di vista storico - precisa la presidente agrigentina di Italia Nostra Adele Falcetta -. L’edificio necessita di restauro e di una valorizzazione, necessaria per almeno due ragioni: perché esso, di per sé, fa parte della memoria storica della nostra città e perché insiste in un’area, la Rupe Atenea, di particolare importanza dal punto di vista storico, naturalistico ed archeologico, area che sarebbe, nella sua interezza, meritevole di attenzione. La nostra associazione - continua Falcetta - manifesta la piena disponibilità, qualora il Comune lo ritenga utile, a ricevere l’edificio in comodato per poterlo utilizzare per finalità culturali: infatti diverse iniziative possono essere realizzate sia all’interno della chiesetta che nell’area antistante".

Del recupero e salvaguardia dell'edificio si parla ormai da anni: grazie anche alle denunce giornalistiche il Comune giusto pochi mesi fa aveva aperto il vecchio portone trovando all'interno un soffitto crollato e un antico crocefisso che necessitava di interventi di restauro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento