rotate-mobile
Cronaca

Il capo della Mobile: "A Palma di Montechiaro c'è gente assetata di giustizia"

Il commissario capo Giovanni Minardi parla in seguito all'arresto di due persone per tentato omicidio: "Abbiamo registrato una significativa collaborazione in relazione alle persone coinvolte nei fatti"

"A Palma di Montechiaro, che per qualcuno potrebbe rappresentare un paese senza speranze per colpa dell'omertà, ci sono invece persone assetate di giustizia che, con i giusti input, riescono a fornire valide collaborazioni". A dirlo è stato Giovanni Minardi, dirigente della Squadra Mobile di Agrigento, nel corso della conferenza stampa in cui sono stati illustrati i dettagli dell'operazione che ha portato all’arresto di Luigi e Giuseppe Bracco, padre e figlio di 59 e 31 anni, accusati del tentato omicidio di Epifanio Cammarata, genero e cognato degli arrestati.

"Abbiamo registrato una significativa collaborazione in relazione alle persone coinvolte nei fatti. Ed è importante ricordare – ha continuato Giovanni Minardi - che le forze di polizia, anche in situazioni delicate come questa, offrono la possibilità di dare una mano alla giustizia. Stare zitti serve a poco. Noi ci siamo e siamo pronti ad ascoltare la gente per raccogliere qualsiasi tipo di 'vibrazione' sul territorio" ha concluso il capo della Squadra Mobile di Agrigento.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il capo della Mobile: "A Palma di Montechiaro c'è gente assetata di giustizia"

AgrigentoNotizie è in caricamento