"Al lavoro in udienza mentre era in malattia per la Provincia", avvocatessa a giudizio

Il pubblico ministero Salvatore Vella contesta la truffa aggravata ad Anna Mongiovì, 61 anni

In malattia retribuita per la Provincia regionale di Agrigento, di cui era dipendente, e al lavoro in udienza come libera professionista. Questa l’ipotesi della Procura che ha fatto finire a processo, con l’accusa di truffa aggravata, l’avvocato Anna Mongiovì, 61 anni. Il pubblico ministero Salvatore Vella ha disposto la citazione diretta e il processo è stato fissato davanti al giudice monocratico Giancarlo Caruso per lunedì prossimo. Il magistrato, però, nei giorni scorsi è stato trasferito e il procedimento sarà assegnato a un altro giudice.

La vicenda risale al 2012. L’avvocatessa, reduce da un incidente stradale piuttosto serio, nel quale aveva riportato delle fratture, si assenta per un lungo periodo dalla Provincia regionale di Agrigento di cui era dipendente part time. Il periodo di malattia era in scadenza il 2 maggio. Il 23 aprile, invece, avrebbe accompagnato un cliente – secondo quanto risulterebbe dai verbali – in un’udienza di separazione al tribunale di Agrigento. Il pm Vella, che ha disposto il processo, ritiene che, essendo stata assente per malattia dalla Provincia, non avrebbe potuto essere presente in udienza.

L’ipotesi della Procura è, quindi, che la certificazione della malattia sarebbe stata falsa ed, evidentemente, strumentale a percepire lo stipendio di dipendente pubblica. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento