rotate-mobile
Acqua

Aica, dopo le denunce dell'ex commissario la consulta vuole chiarezza: "Forniteci le carte"

La rappresentanza delle associazioni hanno avanzato una serie di richieste per chiarire alcuni punti ritenuti oscuri

Non poteva non avere qualche conseguenza la lettera firmata dall'ormai ex commissario di Aica, Fiorella Scalia, in occasione del commiato dalla società idrica. 

A chiedere oggi chiarezza e atti è la consulta delle associazioni, che non ha risparmiato delle proprie bordate anche all'ex componente del Cda.

"Ci spiace leggere solo adesso che la commissaria Scalia abbia dovuto subire 'cortesi consigli' da sindaci soci, in contrasto con quanto stabilito in assemblea o addirittura che, soggetti non titolati a farlo, avrebbero voluto imporre percorsi gestionali diversi dai deliberati assembleari - scrivono -. La Consulta nei suoi comunicati aveva paventato questo rischio, alimentato anche dall'opacità delle procedure decisionali operate finora. Siamo convinti che, per il bene di Aica, la commissaria abbia opposto una virtuosa resistenza a tali pressioni, ma a nostro parere avrebbe dovuto anche denunciare tali comportamenti anomali".

Insomma, secondo la consulta, dalle lettura del documento di Scalia si ricava "l’impressione che oltre ad essere una 'lettera aperta' sia più un'autoassoluzione, necessaria probabilmente alla luce dei risultati di questi 22 mesi di gestione, con più di 4 milioni di euro di perdita all'anno, circa 23.000 euro al giorno".

Rispetto proprio alle condizioni economiche di Aica, "la Consulta richiede il riscontro scritto alla diffida oggetto dell'incontro in Prefettura, con specifico riferimento all'inapplicabilità di un coefficiente perequativo (che darebbe risorse certe e immediate ad Aica e consentirebbe di ripianare le perdite dovute all'aumento dell'energia elettrica) e alle prospettive reali di realizzazione del progetto React Eu sottolineando i costi e i tempi concretamente attuabili".

La Consulta infine torna a chiedere ad Aica documentazione (già richiesta a fine marzo) connessa ai bilanci, alle azioni condotte dalla consortile idrica e agli interventi di riparazione effettuati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aica, dopo le denunce dell'ex commissario la consulta vuole chiarezza: "Forniteci le carte"

AgrigentoNotizie è in caricamento