Bottigliate, calci e pugni fra immigrati: due senegalesi al pronto soccorso

I feriti hanno dei tagli alle mani: hanno cercato di difendersi come meglio hanno potuto. Gli aggressori, al momento, sono riusciti a far perdere le loro tracce

(foto ARCHIVIO)

Perché siano venuti alle mani non è chiaro. I poliziotti della sezione Volanti e quelli della Squadra Mobile stanno cercando, attraverso l'attività investigativa, di mettere dei punti fermi nell'inchiesta. Due senegalesi di 38 anni sono però finiti al pronto soccorso dell'ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento per gravi ferite alle mani. Sarebbero stati aggrediti da dei ghanesi che hanno prima mandato in frantumi un paio di bottiglie di vetro e poi si sono, appunto, scagliati contro i due senegalesi. Immigrati che hanno cercato di difendersi come meglio hanno potuto e che sono rimasti feriti.  

Scene da Far West quelle che si sono registrate in via Cannameli, nel centro storico di Agrigento. I due senegalesi hanno riportato dei tagli alle mani. Uno in maniera particolare ha delle ferite più profonde e saranno necessari, naturalmente, più punti di sutura. 

I poliziotti hanno già ascoltato alcuni immigrati. Gli investigatori stanno cercando di fare chiarezza e di identificare e rintracciare gli autori dell'aggressione. I ghanesi, subito dopo aver ferito i senegalesi, si sono infatti immediatamente dileguati e, al momento, sarebbero riusciti a far perdere le loro tracce. Sul posto è intervenuta anche la polizia Scientifica.    


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, derubato un corriere: portati via pacchi e soldi

  • Il Giro d'Italia torna nell'Agrigentino, la "corsa rosa" fa tappa in Sicilia

  • Mafia e droga, la maxi inchiesta "Kerkent": tre indagati chiedono di parlare col pm

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento