Cronaca Favara

"Ha picchiato, minacciato e ingiuriato l'anziana madre": 51enne rinviato a giudizio

Secondo l'accusa si sarebbe rivolto alla mamma con frasi di questo genere: "Ancora qui sei? Non sei ancora morta? Vecchiazza di merda, devi morire, impiccati. Stai attenta che ti scanno!"

"Con cadenza giornaliera, all'interno delle mura domestiche, spesso in preda ai fumi dell'alcol, andava in escandescenze anche per banali motivi, colpendo la madre (di 71 anni ndr.) con violenti spintoni, fino a farla cadere a terra, aggredendola più volte con ingiurie e minacce". E' per maltrattamenti in famiglia, aggravati, che un cinquantunenne di Favara è stato rinviato a giudizio. L'udienza si terrà il 26 aprile davanti al giudice Genna. L'inchiesta è stata coordinata dal sostituto procuratore Elenia Manno. 

Secondo quanto è stato accertato durante le indagini preliminari, dalla fine di marzo dello scorso anno, l'uomo avrebbe "aggredito fisicamente e verbalmente la propria madre, costringendola a vivere in un clima di terrore e a sopportare penosissime condizioni di vita". Oltre alle violenze fisiche, stando sempre all'inchiesta, il cinquantunenne avrebbe ingiuriato e minacciato la madre con frasi del seguente tenore: "Ancora qui sei? Non sei ancora morta? Vecchiazza di merda, devi morire, impiccati" ed ancora: "Sei folle, sei morta! Stai attenta che ti scanno!". Il 31 marzo del 2020, "rientrando in casa completamente ubriaco, prima avrebbe minacciato e insultato la madre, poi l'avrebbe strattonata e colpita con alcuni pugni sulla schiena, costringendo la donna a chiudersi in camera da letto e a chiamare - è stato ricostruito dalla Procura - le forze dell'ordine".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ha picchiato, minacciato e ingiuriato l'anziana madre": 51enne rinviato a giudizio

AgrigentoNotizie è in caricamento