rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Aggressioni / Centro Storico

“Non picchió la compagna incinta con schiaffi e pugni allo stomaco”, assolto trentenne

L’uomo era finito a processo per l’accusa di lesioni aggravate: la presunta vittima era pure finita in ospedale

Un trentenne tunisino, da anni residente ad Agrigento, è stato assolto con formula piena dall’accusa di lesioni aggravate a carico della compagna.

L’uomo, che ha nominato come difensore l’avvocato Angelo Asaro, era accusato di avere colpito con schiaffi in faccia e pugni allo stomaco la compagna che era alla quattordicesima settimana di gravidanza.

I fatti si sarebbero verificati nel marzo del 2019 nell’abitazione della coppia.

La donna, dopo la presunta aggressione, era stata trasportata in ambulanza all’ospedale San Giovanni di Dio.

La prova dell’aggressione, tuttavia, a conclusione del processo, nel quale la donna è stata interrogata in aula, non è stata raggiunta.

Il giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Rossella Ferraro, lo ha assolto perché il fatto non sussiste.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Non picchió la compagna incinta con schiaffi e pugni allo stomaco”, assolto trentenne

AgrigentoNotizie è in caricamento