rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Attualità

Brucellosi e tubercolosi, l'Asp ai vertici nelle attività di controllo

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Brucellosi bovina, ovi-caprina e tubercolosi bovina e bufalina: ASP di Agrigento ai vertici regionali nelle attività di controllo ed eradicazione delle patologie.

L’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento ed il suo territorio si trovano ai vertici di una particolare classifica regionale che riguarda le attività di controllo ed eradicazione di pericolose patologie come la brucellosi bovina, ovi-caprina e la tubercolosi bovina e bufalina. Stando ai risultati di monitoraggio dei primi sei mesi del 2022, resi noti dal Servizio 10 “Sanità veterinaria” del Dipartimento per le attività sanitarie e osservatorio epidemiologico della Regione siciliana, la provincia di Agrigento risulta virtuosa su più fronti. Per ciò che riguarda la brucellosi bovina, l’ASP di Agrigento può vantare il più alto valore di aziende controllate fra quelle soggette al programma con un 96,63% che la colloca in vetta alle liste di merito seguita da Catania (93,17%) e Palermo (89,52%).

Questo valore, unito allo 0% di positività all’infezione su 6.971 capi controllati, attribuisce di fatto al territorio agrigentino lo status di provincia indenne alla patologia. Altrettanto incoraggiante il prospetto che riguarda la tubercolosi bovina e bufalina con il 95,43% delle aziende già controllate (anche in questo caso percentuale più alta in Sicilia) e incidenza nulla di animali infetti (unica provincia in Sicilia) sul totale di 9.195 capi controllati (88.25% del target controllabile).

Efficace anche il controllo sulla brucellosi ovi-caprina con il 42,79% di aziende già controllate (quinto posto regionale) e percentuale di animali positivi vicina allo zero (0,61%) su 37.528 capi controllati.

La capillare azione svolta dal Dipartimento di prevenzione veterinario ASP ed i risultati conseguiti nel periodo preso in esame, hanno indotto il commissario straordinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento, Mario Zappia, ad esprimere formalmente il suo apprezzamento con una nota, diretta al direttore, Antonio Izzo, e a tutto il personale dipartimentale, nella quale si legge: “si esprime compiacimento per l’encomiabile risultato raggiunto e per la pregevole attività lavorativa fin qui svolta dalla S.V. congiuntamente al personale afferente a codesto Dipartimento”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brucellosi e tubercolosi, l'Asp ai vertici nelle attività di controllo

AgrigentoNotizie è in caricamento