menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"In macchina nascondeva gioielli e arnesi per lo scasso", nei guai un trentenne

I preziosi, così come l'orologio di gran valore economico, sono risultati essere stati rubati in abitazioni di Favara e di Enna

In auto, con gioielli e oggetti atti allo scasso. A fermare e controllare il trentenne, di origini romene, a quanto pare già noto alle forze dell'ordine, sono stati i poliziotti del commissariato di Canicattì. L'uomo non avrebbe saputo fornire spiegazioni, né giustificazioni sul possesso di quei gioielli e dell'orologio di valore. Preziosi che erano stati ben occultati all'interno dell'autovettura. Tutto - compreso gli arnesi solitamente utilizzati per mettere a segno i furti - è stato, naturalmente, subito sequestrato.

L'attività investigativa, avviata immediatamente dai poliziotti del commissariato di Canicattì, ha permesso di scoprire che tutti quei gioielli e quell'orologio erano stati rubati in un'abitazione di Favara e in una di Enna. Rintracciati, e non è stato semplice, i proprietari, le vittime dei furti hanno riconosciuto gli oggetti. In un caso, fra l'altro, su un gioiello era impressa una data che lo riconduceva, appunto, al proprietario. 

Il trentenne romeno è stato, dunque, nelle ultime ore, denunciato alla Procura della Repubblica di Agrigento per le ipotesi di reato di ricettazione e porto ingiustificato di oggetti atti allo scasso.  


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento