menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Paolo MInacori

Paolo MInacori

Lettera aperta di Paolo Minacori: "Sosteniamo il candidato Totò Pennica"

Lettera aperta del portavoce del movimento cittadino

 

Mentre si sperimentano designazioni tra i partiti politici, manca poco più di un mese alla presentazione delle candidature. I partiti si guardano bene dal proporre loro iscritti visto che qualsiasi sondaggio sconsiglia di esprimere candidati militanti.
Analizzando il quadro, anche senza troppa attenzione, ci si accorge che ben poco e mutato dai mesi precedenti.
I candidati dichiarati sono l’avv. Arnone e l’avv. Zambuto.
Il PDL consuma il congresso provinciale, ma nulla sul fronte delle amministrative.
SEL e IDV, silenzio.
La coalizione MPA, PD, FLI ha espresso per voce dell’On. Di Mauro la candidatura dell’Avv. Grillo, Forza del Sud la rilancia durante il congresso del PDL, invitando le forze politiche moderate a convergere.
È chiara l’esclusione del PD.
L’onorevole Cimino proietta un chiaro segnale nel voler ricostruire la grande alleanza dei moderati, iniziativa promossa dall’on. Miccichè in ambito regionale, e proposta in loco dal suo delfino.
Ma tra tutti questi tatticismi che c’azzecca Agrigento, i suoi bisogni, le sue emergenze?
Nulla.
La candidatura dell’avv. Grillo, eminente professionista, è stata proposta perché il profilo è compatibile con il leitmotiv degli ultimi tempi: il candidato deve appartenere alla società civile, deve essere più o meno affermato, non deve avere carichi pendenti con la Legge.
Adesso i partiti si preoccuperanno di organizzare qualche lista civica e una squadra di assessori.
La storia si ripete: candidature preconfezionate a tavolino.
Che fine fanno gli interessi del cittadino, le visioni di sviluppo, la programmazione?
Al macero.
Per quanto ci riguarda, è trascorso un anno dalla prima riunione tra un piccolo gruppo di persone dal quale è gemmato il movimento per l’etica e la solidarietà in politica, poi condensato in “Èpolis”.
Dai primi di dicembre ci siamo preoccupati di organizzare assemblee, incontri, esposizioni pubbliche e mediatiche, iniziative politiche e formative.
Siamo stati osservati, avvicinati, perfino lusingati dalla comunità politica.
In questo giorno, la riflessione che faccio a me stesso e vi partecipo è molto semplice:  le regole del gioco sono cambiate, il sistema politico tradizionale è in evidente crisi.
Credo che stiamo transitando inconsapevolmente verso la terza repubblica, non è chiaro se il passaggio è un inesorabile evoluzione (o involuzione) politica, né bene si riescono a distinguere gli attori, ammesso che ce ne siano, quasi a immaginare una deriva inconsapevole e ormai non più controllabile del sistema politico verso un’apoptosi predestinata. 
In questo contesto il nostro movimento si pone in chiave di assoluta modernità politica.
La sua natura originale è declinata da un’assoluta autonomia ideologica e rispettosa, comunque, del principio costituzionale delle organizzazioni politiche.
Sono risoluto nell’affermare, in piena convinzione, che i principi fondanti del movimento sono immutati e solidi e su questo solco intendo richiamare me per primo e tutti voi, perché ci si muova d’ora in avanti con maggiore lucidità, tenacia, determinazione e fiducia in noi stessi.
L’omologazione ad un sistema organizzato di natura partitica non è il nostro progetto e non lo sarà, il nostro obiettivo è quello di aggregare quante più realtà civiche, organizzate in liste o in singoli movimenti di supporto.
Confido che questa nostra determinazione sia ben accolta dalla politica tradizionale e ci rendiamo disponibili, nei tempi e nei modi adeguati, a farci carico di questo metodo di discontinuità, cercando di aggregare uomini e donne volenterosi e impegnati, per condividere, con la più vasta inclusione, la futura amministrazione di questa città.
Vi invito, assieme a me stesso,  a non indugiare oltre, ponendo davanti ad ognuno di noi come filtro per le future azioni e decisioni, il rispetto della dignità della persona umana, i più alti valori morali e la rettitudine.
Auspico l’adesione alla nostra lista civica di quanti più possibile, il sostegno determinato ai candidati e l’azione di proselitismo.
Vi chiedo di sostenere insieme a me la candidatura alla carica di sindaco della città di Agrigento dell’avvocato Salvatore Pennica, uomo giusto, quale espressione univoca e compatta del movimento Èpolis.
 
Paolo Minacori
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento