L'ombra del dissesto su palazzo dei Giganti, Firetto chiede "aiuto" al Governo

Il sindaco ha sottoscritto il manifesto dei Comuni siciliani: "Provvedimenti urgenti per evitare l’ulteriore degenerazione della crisi economico finanziaria che potrebbe comportare, già a partire dalla prossima primavera, un generalizzato ritardo nel pagamento degli stipendi al personale dipendente e delle forniture di beni e servizi” 

Il sindaco Lillo Firetto

Già al momento dell'insediamento, l'amministrazione comunale ha dovuto ricorrere a un piano di rientro da 1.250.000 euro l'anno che ha compresso la spesa in modo sensibile. A fine anno, dopo il parere negativo dei revisori dei conti sul bilancio di previsione, il Comune è riuscito a scongiurare, forse anche in calcio d’angolo, il dissesto finanziario. Ma la crisi finanziaria – che potrebbe, appunto, comportare le procedure di fallimento e dunque problematiche conseguenze per il personale, i cittadini e i creditori – non lascia affatto dormire sonni tranquilli. Motivo per il quale, ieri, il sindaco di Agrigento Lillo Firetto ha sottoscritto il “Manifesto dei Comuni siciliani nei confronti del governo nazionale e regionale” e lo ha presentato al direttivo regionale dell’Anci Sicilia.

“Sarà questa d’ora in avanti – ha detto, tagliando corto, il sindaco Firetto – la nostra piattaforma”. Anche Agrigento ha dunque sottoscritto un manifesto che rappresenta “la condizione di grave sofferenza economico-finanziaria in cui versano e il rischio di fallimento di gran parte dei Comuni”. Sono stati, del resto, 35 gli enti che nel corso degli ultimi 6 anni hanno dichiarato lo stato di pre-dissesto e 29 quelli che – a livello regionale – sono già in condizione di dissesto finanziario.

Fra i Comuni Agrigentini in pre-dissesto c’è Campobello di Licata. In dissesto invece: Aragona, Casteltermini, Favara e Porto Empedocle. “Si evidenzia la necessità di istituire una cabina di regia Stato-Regione per affrontare e risolvere le situazioni di crisi e per scongiurare l’attivazione delle procedure di fallimento” – ha sottoscritto il sindaco Firetto - . La spesa corrente dei Comuni, Agrigento compreso, si è ridotta sistematicamente dal 2010 (-7% senza considerare l’effetto dell’inflazione), lo stock di debito mostra un costante trend decrescente, il personale comunale si è contratto di circa il 15% in un contesto di nuove funzioni devolute, di riforme da attuare, di oneri burocratici a cui far fronte. “Alcune misure della legge di bilancio 2019 non può essere positiva, nonostante vi siano misure favorevoli e significative su alcuni versanti. Ma ci sono questioni che possono trasformarsi in “una questione di vita o di morte” – ha confermato Firetto - rischiando di costituire elementi decisivi per il definitivo collasso finanziario degli enti locali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’amministrazione di Agrigento ha, dunque, focalizzato l’attenzione sul fondo “Imu-Tasi” che ha la previsione di un utilizzo vincolato a spese di investimento, sull’anticipazione di tesoreria che viene ridotta a 4/12 (dai 5/12 costantemente mantenuti negli· ultimi anni). Naturalmente, visto che “la lingua batte dove il dente duole”, la carenza di risorse per i servizi correnti e l’impossibilità di sostenere l’anticipazione dei pagamenti per i lavori finanziati dal “Bando periferie” comporterà per la gran parte dei Comuni siciliani – Agrigento compresa - l’impossibilità di realizzare compiutamente gli interventi previsti. Firetto, così come molti dei suoi colleghi, hanno dunque chiesto al Governo nazionale e regionale “provvedimenti urgenti finalizzati a evitare l’ulteriore degenerazione della crisi economico finanziaria delle comunità amministrate, che potrebbe comportare già a partire dalla prossima primavera un generalizzato ritardo nel pagamento degli stipendi al personale dipendente e delle forniture di beni e servizi”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento