Lunedì, 17 Maggio 2021
Economia

L'Agrigentino tra le province con il minor numero di famiglie in affitto

L'intera provincia figura tra quelle con minori contratti di affitto, che sono in genere stipulati dalle famiglie a più basso reddito. Il resto delle abitazioni è di proprietà o in usufrutto

Nella provincia di Agrigento solo 1 su 10 vive in affitto.

Il dato è emerso dalle statistiche Istat, riprese poi da un franchising specializzato negli affitti immobiliari.

Da quanto si apprende, il record andrebbe alla Campania dove 1 su 4 sono gli affittuari, mentre fra i primi dieci posti della classifica si piazzano soprattutto 3 città liguri e 2 piemontesi.

Percentuali bassissime riguardano la Sardegna e il meridione in genere, dove non si superano i 10 punti percentuali, proprio come accade nell'Agrigentino.

Viene da chiedersi se è perchè tutti sono in realtà proprietari di beni immobili, o se si tratti di una mancata registrazione dei contratti di affitto.

A questo potrebbe rispondere lo stesso Istituto nazionale di statistica che nel 2008 stimò in 16,9 milioni le famiglie (68,5 per cento del totale) proprietarie dell’abitazione in cui vivono, e in 4,7 milioni (18,9 per cento) quelle in affitto, mentre 3,1 milioni (12,6 per cento) disporrebbero dell’abitazione in usufrutto o a titolo gratuito.

L'analisi a livello territoriale rivela una situazione di difficoltà particolarmente elevata per le famiglie del Mezzogiorno e per quelle più povere, ma in generale anche per quelle di più recente costituzione: l’acquisto di un’abitazione rappresenta una strada più difficilmente praticabile data la minore disponibilità di risorse reddituali e patrimoniali adeguate e gli ostacoli che si frappongono all’accesso al credito.

La diffusione dell’affitto è quindi maggiore tra le famiglie con i redditi più bassi, molte delle quali, a questo punto, beneficeranno di case concesse gratuitamente, stando ai dati.

Parlando di individui, erano 42 milioni (70,2 per cento) quelli che vivrebbero in case di proprietà, 11 milioni (18,3 per cento) quelli che vivono in affitto e 6,9 milioni (11,5 per cento) in usufrutto o in uso gratuito.

La percentuale di individui che vivono in affitto già allora risultava considerevolmente più bassa rispetto alla media degli altri Paesi dell’Unione Europea. In Italia, infatti, le particolari caratteristiche del mercato della casa e l’elevata propensione all’acquisto dell’abitazione come “bene rifugio” secondo la ricerca si sono tradotte "in una marcata preferenza delle famiglie verso formule abitative più stabili".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Agrigentino tra le province con il minor numero di famiglie in affitto

AgrigentoNotizie è in caricamento