rotate-mobile
Cronaca

Fu condannato per atti persecutori, Corte d'Appello assolve cittadino tunisino

L'uomo era accusato di aver bloccato la donna nella via Imera "afferrandola per i capelli, trascinandola per strada e sottraendole il cellulare"

Era stato condannato ad un anno di reclusione per "atti persecutori" nei confronti della compagna, e adesso è stato assolto dal reato dalla Corte d'Appello. L'uomo, un cittadino tunisino difeso dall'avvocato Angelo Asaro, era stato denunciato dalla compagna nel 2018 perché accusato di "reiterate molestie e minacce" e perché, in una specifica occasione avrebbe bloccato la donna nella via Imera "afferrandola per i capelli, trascinandola per strada e sottraendole il cellulare".

Nel processo di primo grado, svoltosi con il rito abbreviato, l’uomo era stato assolto dai reati di rapina aggravata e violazione di domicilio ma condannato ad un anno di reclusione per il reato di stalking. Oggi la Terza sezione della Corte d’Appello di Palermo, accogliendo la tesi difensiva e l’appello proposto dall’avvocato Angelo Asaro, ha assolto l’imputato perché il fatto non sussiste.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fu condannato per atti persecutori, Corte d'Appello assolve cittadino tunisino

AgrigentoNotizie è in caricamento