menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La platea del teatro Pirandello

La platea del teatro Pirandello

Teatro Pirandello, Gaziano: "Operazione verità sugli incassi delle stagioni"

Il direttore stabile del Teatro Pirandello è intervenuto in una nota per commentare i dati del cartellone 2015-2016 diffusi da Sebastiano Lo Monaco

Il direttore stabile del Teatro Pirandello, Mario Gaziano, è intervenuto in una nota per commentare i dati della stagione 2015-2016 diffusi dal direttore artistico Sebastiano Lo Monaco. "In relazione alle recenti dichiarazioni inerenti i risultati, diffusi dal bravo direttore artistico del teatro Pirandello di Agrigento, riferiti alla stagione 2015-2016, vorrei precisare i dati ufficiali pubblicati dalla Siae nazionale, senza alcuna finalità polemica, ma solo per ristabilire gli equilibri fra le varie stagioni teatrali e i vari impegni profusi"

"Sebastiano Lo Monaco, - scrive Mario Gaziano - uomo di teatro di primissimo livello, dichiara che gli abbonamenti 2015-2016 sono triplicati (rispetto alla stagione precedente da me diretta in cui si raccolsero 555 abbonamenti); che le spese generali della stagione sono state coperte dagli incassi derivanti dalla vendita degli abbonamenti"..

"È obbligo precisare - prosegue Gaziano - quanto acquisito dagli organi ufficiali per la stagione teatrale 2015-2016 (diretta da Lo Monaco). Si sono venduti complessivamente 631 abbonamenti interi e 66 abbonamenti ridotti (studenti) e non 1500 come si evince dal termine 'triplicati' usato dal direttore artistico, con un incasso complessivo di circa 150 mila euro e una spesa per i soli spettacoli in cartellone di circa 300 mila euro, con un disavanzo di circa 150 mila euro". 

"Per la stagione precedente (da me diretta) 2014-2015 - prosegue il direttore stabile - si sono venduti infatti 501 abbonamenti interi e 55 ridotti per una spesa di 97 mila euro ed un incasso di circa 110 mila euro. Con il residuo attivo di 10 mila euro, rispetto alle spese, si organizzò inoltre la rassegna 'Il Pirandello in città e nella Valle dei Templi' (5 spettacoli dedicati a Pirandello-Sciascia - cultura classica - cultura chiaramontana - teatro contemporaneo, coinvolgendo, per la prima volta in assoluto, le maggiori strutture teatrali agrigentine) e aggiungendo 8 giovedì musicali".

"Il cartellone ufficiale 2014-2015 al Pirandello - si legge nella nota - presentava artisti di altissimo livello, Pino Caruso (Il berretto a sonagli), Lucia Poli e Geppy Glejessess, (L'importanza di chiamarsi Ernesto), Mariano Rigillo (Erano tutti miei figli), Enrico Guarneri (Il malato immaginario), Tuccio Musumeci (Aragoste di Sicilia), Benedicta Boccoli (Cattivi Pensieri), Nellina Laganà (La Centona), Massimo Venturiello (Sala da barba), Salvatore Nocera Bracco (La sagra del signore della Nave). Un cartellone di primissimo livello a costi veramente incomparabili, ottenuti da una lunga battaglia con produttori e teatri stabili e privati e con un risparmio eccezionale nella gestione tecnica della stagione (da manifesti cartacei stampati in proprio, a brochures super-economiche in hause e a collaborazioni di sala tutte gratuite) Con un costo che rappresentò profondo rispetto soprattutto per i cittadini che non videro gravate le proprie tassazioni (come fu peraltro richiesto da diversi consiglieri comunali) per supportare una stagione teatrale che poteva e può essere contenuta pur nel rispetto del pubblico appassionato e per gli autori scelti con oculatezza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento