"Protetto" da nove telecamere spacciava direttamente da casa, arrestato 52enne

I carabinieri, per eludere l'impianto di video sorveglianza, hanno dato vita ad un finto trasloco. Dopo il blitz sono scattate le manette

Per controllare che la sua piazza di spaccio fosse “sicura” e “protetta” aveva anche installato un vero impianto di videosorveglianza. I mlitari dell’Arma hanno “beccato” e arrestato, un riberese di 52 anni. L’uomo, D.L., spacciava cocaina direttamente dalla sua abitazione. I carabinieri della tenenza di Ribera avevano notato un grande via vai più che mai sospetto. A “protezione” dell’attività di spaccio, il 52enne, aveva installato ben nove telecamere per riprendere qualsiasi movimento sospetto. I militari dell’Arma, hanno deciso di eludere la sorveglianza, dando vita ad un finto trascolo. I carabinieri dopo avere fatto irruzione hanno sequestrato 700 euro in contati, 15 grammi di cocaina, già pronte per essere venduta. I militari dell’Arma hanno arrestato il 52enne e sottoposto al regime degli arresti domiciliari. Sequestrato anche l’impianto di video sorveglianza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

  • Coronavirus, nel "valzer" di guarigioni e nuovi contagi c'è una nuova vittima: è un grottese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento