Cronaca

L'inchiesta sulla banda che razziava le villette, reato prescritto per il terzo imputato

L'accusa di ricettazione, dopo 11 anni, non è più punibile. L'indagine prese le mosse da una fonte confidenziale

Il tribunale di Agrigento

Undici anni dal ritrovamento della refurtiva alla conclusione del processo sono troppi: anche per il terzo imputato il reato è stato dichiarato prescritto. La sentenza è stata emessa dal giudice monocratico Andrea Terranova.

Nella vicenda erano coinvolti Giuseppe Infantino, 38 anni, il fratello Alessandro, di due anni più giovane, e Natale Bianchi, 42 anni. Il troncone del processo a carico di Giuseppe Infantino e di Bianchi è stato definito nei mesi scorsi. La posizione del terzo imputato, separata rispetto alle altre per problemi nelle notifiche dovute alla sua residenza in Belgio, è stata esaminata in seguito con lo stesso verdetto: estinzione del reato per intervenuta prescrizione. 

La vicenda è molto vecchia e risale ad oltre dieci anni fa, con esattezza al 18 gennaio del 2010. I carabinieri, nell’ambito di un’indagine su una serie di furti in abitazioni, imbeccati da alcuni confidenti, perquisirono le case degli Infantino e di Bianchi, fino a quel momento coinvolti in vicende giudiziarie di criminalità spicciola, trovando una serie di oggetti di provenienza furtiva: bigiotteria, oggetti in oro, altri gioielli, orologi, televisori, riproduttori audio, cellulari, monete russe e una fotocamera digitale.

Gli imputati (difesi dagli avvocati Davide Casà, Carmelita Danile, Antonino Gaziano e Vincenza Gaziano) furono individuati dopo che i carabinieri furono imbeccati da una "fonte confidenziale".

"Sono rientrato in casa e mi sono accorto che erano entrati i ladri e avevano rubato diversi preziosi e un televisore di 32 pollici". Così una delle tante vittime aveva raccontato in aula. "Ho chiamato i carabinieri - aveva aggiunto - e ho denunciato l’episodio. Dopo alcune settimane sono stato contattato perchè parte della refurtiva era stata trovata".

Giuseppe Infantino e Natale Bianchi si trovano in carcere dal 26 giugno del 2012, giorno in cui è scattata l'operazione "Nuova cupola" nella quale, in seguito hanno riportato una condanna per associazione mafiosa ed estorsione. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'inchiesta sulla banda che razziava le villette, reato prescritto per il terzo imputato

AgrigentoNotizie è in caricamento