Incubo buche in città, il Comune ordina: "Da via Imera al Quadrivio a 10 km orari"

Provvedimento del comandante dei vigili urbani che ha già vietato, nei mesi scorsi, l'accesso a decine di strade ai mezzi a due ruote

Dal tratto finale di via Imera fino al Quadrivio Spinasanta a.... 10 km all'ora. E' l'ultimo provvedimento del Comune, firmato dal comandante della polizia municipale Gaetano Di Giovanni, che servirà ad affrontare l'emergenza buche in città.

La problematica ha già portato alla chiusura, per i mezzi a due ruote, di importantissime strade della città (su tutte la Panoramica dei Templi e il lungomare Falcone-Borsellino, qualche divieto a San Leone è collocato in maniera platealmente errata perchè non consente di tornare indietro) e adesso mette a dura prova la zona probabilmente più caotica della viabilità cittadina. 

L'ordinanza dirigenziale parla di "buche, deformazioni e fessurazioni". Di conseguenza, "nelle more che si provveda all'eliminazione dei pericoli", è stato ritenuto necessario introdurre il limite di 10 km orari nel tratto compreso fra la Banca Unicredit e il Quadrivio Spinasanta, "compresa la rotatoria Imera - via XXV aprile".

L'ennesima dura prova, peraltro in corrispondenza con la ripresa delle attività scolastiche, per il traffico infernale di quel tratto di strada, nevralgico per la città. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Agrigento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

  • Alberi e detriti per strada, il sindaco: "Non uscite da casa se non necessario"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento