rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca Centro città

Giocano a rugby davanti al Comune di Agrigento, la protesta della Miraglia

Ci risiamo. Lo sport agrigentino deve fare i conti ancora una volta con l'emergenza impianti sportivi. Il team rugbisti nel pomeriggio di ieri hanno condotto i loro allenamenti in piazza Pirandello

Ci risiamo. Lo sport di Agrigento deve fare i conti ancora una volta con l'emergenza impianti sportivi. In un normalissimo pomeriggio di agosto, la Miraglia, squadra di rugby agrigentino, ha provato ad allenarsi sul campetto sabbiato del Villaggio Peruzzo.
 
Tentativo riuscito per metà. I giocatori della team agrigentino hanno dovuto fare i conti con un "guardiano" fiscale.  I ragazzi sono stati cacciati dal campo di allenamento. Motivo? Ancora del tutto sconosciuto.
 
La Miraglia non demorde, e cosi sceglie di continuare gli allenamenti al Comune di Agrigento, trasformando piazza Pirandello in un campo di rugby improvvisato. Una decisione forte e rumorosa che non ha lasciato indifferenti parte dei consiglieri comunali.
 
 
Hanno ascoltato le motivazioni e chiesto una riunione con urgenza. I consiglieri comunali Sollano, Pisano, Gramaglia e Galante, nella mattinata di oggi, hanno messo al centro di un dibattito la "questione Miraglia". Un tavolo tecnico aperto anche con il dirigente del settore allo sport Gaetano Di Giovanni.
 
La decisione è stata presa, a comunicarlo è il consigliere comunale Calogero Pisano: "A me e ad i miei colleghi questa questione sta a cuore. La protesta della Miraglia credo sia giusta. Nei prossimi giorni daremo delle risposte ad una squadra che ha portato in alto il nome di Agrigento".
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giocano a rugby davanti al Comune di Agrigento, la protesta della Miraglia

AgrigentoNotizie è in caricamento