menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

"Ricchezza prodotta", la nostra provincia è l'ultima in Italia: la prima è Milano

I dati parlano di un pil pro capite che è un quinto rispetto a quello della città lombarda, in linea però con gli altri territori siciliani

In provincia di Agrigento si produce un quinto del pil della provincia di Milano. Ad aver analizzato i dati è stato il Sole 24, il quale ha appunto calcolato il prodotto interno lordo per abitante in tutte le province del Paese, ottenendo che salvo la città della “Madunina” l’Italia sia complessivamente sotto la media europea, con la Sicilia, ovviamente, a fare da fanalino di coda.

Prima una questione terminologica: in macroeconomia il prodotto interno lordo misura “il valore aggregato, a prezzi di mercato, di tutti i beni e i servizi finali (cioè destinati al consumo) prodotti sul territorio di un Paese in un dato periodo di tempo”, quindi quanto prodotto materialmente su ogni territorio, che viene rapportato al numero di residenti in questo caso. Un’analisi che quindi non misura tanto gli stipendi di ognuno, ma quanto piuttosto un territorio sia realmente “produttivo”. E il quadro che ne emerge è allarmante.

Se, appunto, nelle province di Milano, Bolzano e Bologna, il Pil pro capite si attesta, rispettivamente, in 52mila, 41.900 euro e 39.200 euro ad abitante, in provincia di Agrigento si scende fino a quota 14.600 euro. Il dato peggiore in Italia, certo, ma con differenze, nell’Isola, che sono assolutamente marginali. Poco sopra Agrigento troviamo infatti la provincia di Caltanissetta a 15.100 euro, poi Enna a 15.200 euro, Trapani a 15.400 euro, Messina e Ragusa a 17.200 euro, Catania a 17.500 euro, Palermo a 18.000 euro e Siracusa a 18.800 euro. I numeri, anche posti così, sono abbastanza facili da decriptare: il dato non può che crescere in base alla “densità” del tessuto imprenditoriale e più in una provincia sono presenti grossi impianti più cresce il pil prodotto per abitante. Non può stupire, quindi, né il posizionamento di Palermo e Catania, ma nemmeno quello di Siracusa, che risente della presenza di stabilimenti petrolchimici che, però, non è chiaro quanto riversino sul territorio in tema di investimenti.

Il dato che forse andrebbe analizzato concretamente non è tanto quello del Pil per abitante, ma piuttosto quale è l’effettivo investimento in ogni singola provincia anche dei grandi gruppi imprenditoriali, quando cioè effettivamente questo porta ricchezza ad un territorio e ai suoi abitanti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento