Condannato per l'omicidio di Rosario Livatino, Parla chiede i domiciliari

L'uomo si trova oggi al carcere di Parma e vivrebbe ormai da tempo su una sedia a rotelle: si è sempre professato innocente

E' gravemente malato, al punto che le sue condizioni non sarebbero più compatibili con il carcere. Per questo motivo, come racconta l'edizione odierna del quotidiano La Sicilia, gli avvocati difensori di Salvatore Parla, settantenne, condannato in via definitiva per l'omicidio del giudice Rosario Livatino (accuse rispetto alle quali si è sempre dichiarato estraneo) hanno chiesto che lo stesso sia posto agli arresti domiciliari. Parla si trova oggi al carcere di Parma e vivrebbe ormai da tempo su una sedia a rotelle.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il magistrato di sorveglianza si è al momento riservato sulla decisione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Covid-19, altri due casi in provincia: chiuso ristorante e richiamati tutti i clienti

  • La faida sull'asse Favara-Belgio, scatta l'operazione "Mosaico": raffica di arresti, trovate armi

  • Operazione "Mosaico": duplice tentato omicidio, ecco chi sono i 7 arrestati

  • Coronavirus, ancora positivi in provincia: a Ravanusa i casi salgono a sette

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Il Covid non molla la sua presa: due nuovi casi a Favara, uno a San Biagio e Grotte

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento