menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un fotogramma delle intercettazioni ambientali

Un fotogramma delle intercettazioni ambientali

"Mazzette per aggiustare gli appalti pubblici", un agrigentino tra gli arrestati

Nel contesto dell'operazione "Cuci e scuci" condotta dalla Squadra Mobile di Palermo è finito in manette anche l'ingegnere Franco Barberi, coinvolto anche un imprenditore locale

"Mazzette" e "regalini" per truccare gli appalti pubblici in favore di imprenditori "amici". E' questa l'accusa a monte dell'operazione di Polizia chiamata "Cuci e scuci" condotta questa mattina dalla Squadra mobile di Palermo che ha portato all'arresto di imprenditori e funzionari del Provveditorato interregionale delle opere pubbliche. Ai domiciliari sono finiti gli ingegneri Carlo Amato, Claudio Monte e Franco Barberi (quest'ultimo di Agrigento, il geometra e geologo Antonio Casella. E' scattata la sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio per la durata di 12 mesi per l’architetto Antonino Turriciano e l’assistente geometra Fabrizio Muzzicato. 

Le misure cautelari sono state emesse dal gip del tribunale di Palermo su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di imprenditori e di funzionari della pubblica amministrazione, "nelle vesti, rispettivamente, di corruttori e corrotti e che, per le loro condotte illecite accertate, dovranno rispondere a vario titolo dei reati di corruzione, falso in atti pubblici e truffa aggravata ai danni dello Stato". Per otto imprenditori è scattato il divieto di contrattare con la pubblica amministrazione per un anno (provvedimento introdotto con la legge "spazzacorrotti" e applicato per la prima volta a Palermo). Tra questi c'è Giuseppe Giovanni Tunno, 55 anni, nato a Canicattì.

L'operazione è stata denominata ''Cuci e Scuci''. Gli agenti della sezione Anticorruzione della squadra mobile hanno "registrato uno stratificato sistema corruttivo, annidatosi nel settore degli appalti per opere pubbliche e che ha interessato un importante distretto ministeriale deputato a veicolare rilevanti fondi pubblici".  Gli appalti riguardavano principalmente lavori pubblici finanziati con fondi del ministero Infrastrutture e Trasporti, in particolare per l'edilizia scolastica o di altri enti o ministeri, "stanziati per lavori di ordinaria o straordinaria manutenzione di immobili dello Stato, utilizzati per fini istituzionali o di pubblica utilità". 

Tutto è partito dalla denuncia di un imprenditore che ha dichiarato di non volersi piegare al sistema delle tangenti.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento