menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto archivio)

(foto archivio)

"Non è pericoloso", revocata libertà vigilata ad imprenditore

Il tribunale di sorveglianza, nonostante il Pm avesse chiesto la proroga per altri due anni, ha accolto l'istanza della difesa di Gregorio Lombardo

Il magistrato del tribunale di sorveglianza, Federico Romoli, ha revocato - secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia - la misura di sicurezza della libertà vigilata all'imprenditore favarese Gregorio Lombardo, 62 anni.

Lombardo era stato arrestato nel 2000 per favoreggiamento. Lo bloccarono i poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento quando fecero irruzione in un casolare di Castrofilippo per arrestare l'allora latitante Giuseppe Vetro di Favara. Cinque anni più tardi, nel luglio del 2005, Lombardo venne nuovamente arrestato con l'accusa di associazione mafiosa. Il favarese è stato riconosciuto colpevole ed è stato condannato ad otto anni. Scontata la pena, gli è stata inflitta la sorveglianza speciale per tre anni. Poi, dal 2015, gli è stata imposta la libertà vigilata.

Il tribunale di sorveglianza, nonostante il Pm avesse chiesto la proroga per altri due anni, ha deciso - verificando la pericolosità sociale di Lombardo - di revocargliela, accogliendo l'istanza della difesa che è rappresentata dall'avvocato Angela Porcello.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento