Cronaca Naro

"Viola undici volte il foglio di via", la prescrizione salva quarantenne pregiudicato

Il decorso del tempo cancella le accuse nei confronti di Agostino Bianchi, finito a processo per non avere rispettato il provvedimento del questore

"Non doversi procedere per avvenuta prescrizione del reato": il decorso del tempo cancella le accuse nei confronti del quarantunenne Agostino Bianchi, finito a processo per avere violato ripetutamente i fogli di via del questore di Agrigento che gli vietavano di fare rientro nei comuni di Camastra e Naro per tre anni.

Bianchi, che è stato difeso dall'avvocato Davide Casà, in seguito a diverse denunce, era stato destinatario del provvedimento di polizia che gli imponeva di non entrare nei due comuni dell'Agrigentino, per tre anni, a partire dal 2011. In ben undici circostanze, secondo quanto riscontrato, avrebbe, invece, violato l'ordine finendo a processo.

La sentenza di primo grado è stata emessa, il 16 novembre del 2018, dal giudice monocratico di Agrigento, Katia La Barbera, che gli aveva inflitto quattro mesi di arresto, relativi - però - a parte delle condotte. Per le violazioni commesse fino al febbraio del 2013, infatti, era stata dichiarata la prescrizione.

La sentenza di condanna, decisa per gli episodi successivi, è stata impugnata dalla difesa e la Corte di appello, due anni dopo, ha ritenuto che tutti i fatti non fossero più punibili per effetto del decorso del tempo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Viola undici volte il foglio di via", la prescrizione salva quarantenne pregiudicato

AgrigentoNotizie è in caricamento