Appiccato il fuoco ai cassonetti: terza notte di fuoco consecutiva a Licata

Ad accorrere, da un capo all'altro della città, sono stati i pompieri. Avviate le indagini per identificare il piromane

Incendio cassonetti

Nuova notte di fuoco – la terza consecutiva, di fatto, – fra le strade di Licata dove uno, o forse più, piromani continuano ad appiccare le fiamme ai cassonetti per la raccolta dei rifiuti. Ancora una volta, a partire da poco dopo la mezzanotte fra sabato e domenica, alla sala operativa dei vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento sono arrivati più “Sos”.

Ad accorrere – fra corso Italia e le vie Architetto Licata e Palma – sono state le squadre dei pompieri del distaccamento cittadino. Pompieri che, idranti alla mano, hanno evitato che le fiamme si propagassero ulteriormente e provocassero ancora più danni. Lo stesso, identico, copione delle altre due notti. Ma a differenza delle 24 ore precedenti, questa volta non s’è registrato nessun incendio di autovettura. Nessun dubbio sul fatto che i roghi appiccati ai cassonetti siano di matrice dolosa. Spetterà alle indagini delle forze dell’ordine cercare di dare un nome e cognome al piromane o ai piromani che hanno provocato danni materiali oltre che ambientali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento