Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Il Papa scrive a mons. Montenegro: "Il cardinalato è servizio di aiuto"

Indirizzata a ciascuno dei venti porporati che saranno creati nel Concistoro del prossimo 14 febbraio, è giunta anche al nostro arcivescovo mons.Francesco Montenegro

Il cardinalato è "una vocazione" ad esercitare "un servizio di aiuto, sostegno e speciale vicinanza alla persona del Papa e per il bene della Chiesa".

Lo scrive Papa Francesco in una lettera indirizzata a ciascuno dei venti porporati che saranno creati nel Concistoro del prossimo 14 febbraio, tra i quali anche il nostro arcivescovo mons.Francesco Montenegro.

Di seguito il testo della lettera che Bergoglio ha indirizzato a ciascuno dei venti nuovi cardinali.
 
"Caro fratello, oggi è stata resa pubblica la tua designazione come Cardinale della Santa Chiesa Romana.

Ti giunga il mio saluto con l’assicurazione della mia preghiera. Chiedo al Signore di accompagnarti in questo nuovo servizio, che è un servizio di aiuto, sostegno e speciale vicinanza alla persona del Papa e per il bene della Chiesa.

E proprio in ordine ad esercitare questa dimensione di servizio, il cardinalato è una vocazione. Il Signore, mediante la Chiesa, ti chiama ancora una volta a servire; e ti farà bene al cuore ripetere nella preghiera l’espressione che Gesù stesso suggerì ai suoi discepoli per mantenersi in umiltà:

«Dite: "Siamo servi inutili"», e questo non come formula di buona educazione ma come verità dopo il lavoro, «quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato» (Lc 17, 10).

Mantenersi in umiltà nel servizio non è facile quando si considera il cardinalato come un premio, come culmine di una carriera, una dignità di potere o di superiore distinzione.

Di qui il tuo impegno quotidiano per tenere lontane queste considerazioni, e soprattutto per ricordare che essere Cardinale significa incardinarsi nella Diocesi di Roma per darvi testimonianza della Risurrezione del Signore e darla totalmente, fino al sangue se necessario.

Molti si rallegreranno per questa tua nuova vocazione e, come buoni cristiani, faranno festa (perché è proprio del cristiano gioire e saper festeggiare). Accettalo con umiltà.

Solo fai in modo che, in questi festeggiamenti, non si insinui lo spirito di mondanità che stordisce più della grappa a digiuno, disorienta e separa dalla croce di Cristo. Arrivederci dunque al 14 febbraio.

Preparati con la preghiera e un po’ di penitenza. Abbi molta pace e letizia. E, per favore, ti chiedo di non dimenticare di pregare per me. Gesù ti benedica e la Vergine Santa ti protegga".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Papa scrive a mons. Montenegro: "Il cardinalato è servizio di aiuto"

AgrigentoNotizie è in caricamento