Cercano informazioni sul portale del Comune per il tampone Covid e si ritrovano davanti ad un sito porno

Il sindaco: "La gestione tecnica del sito è affidata ad una società esterna e che nessuno fra i dipendenti ed il personale del Comune è in possesso delle credenziali di accesso diretto al server. Link rimosso e attivate le procedure necessarie a far luce sulla violazione dei contenuti del sito web"

Un virus? O un link caricato inavvertitamente? Sono tanti, e non soltanto a Lampedusa, le persone che si stanno ponendo questi interrogativi. Qualcuno ha sorriso ed è passato oltre, la maggior parte però si dice indignata d'essersi ritrovata davanti - cliccando su un link della home page del portale istituzionale del Comune - ad un sito porno. 

home page sito comune lampedusa-2

Ad essere incappati nel link sono stati, per la maggior parte, coloro che cercavano informazioni circa l'avviso pubblico per la richiesta di tampone diagnostico per il Covid-19. Avviso che risulta essere stato caricato dallo scorso 12 ottobre. Qualcuno, oltre a scaricare il modello di richiesta per il tampone, cercava verosimilmente qualche altra informazione. Ma si è appunto ritrovato dinanzi ad un sito pornografico.

Il sindaco: attivate le procedure per far luce sulle violazioni

"Sono state attivate le procedure necessarie a far luce sulla violazione dei contenuti del sito web del Comune di Lampedusa e Linosa, sul quale è apparsa la pubblicazione di un link che rimanda ad un sito con materiale video vietato ai minori - ha reso noto, attraverso i social, il sindaco di Lampedusa e Linosa Totò Martello - . Si specifica che la gestione tecnica del sito è affidata ad una società esterna e che nessuno fra i dipendenti ed il personale del Comune è in possesso delle credenziali di accesso diretto al server: tutti i contenuti vengono inviati alla società che lo gestisce, che a sua volta provvede alla pubblicazione. Il Comune di Lampedusa e Linosa, dopo aver fatto rimuovere il link, si è attivato nelle sedi opportune per comprendere se vi siano state violazioni del sistema o azioni di hackeraggio, e avvierà ogni azione legale necessaria ad avere contezza del danno subito. Ribadendo che questa amministrazione comunale non ha alcuna responsabilità, ci scusiamo comunque con la cittadinanza e con gli utenti per l'accaduto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ricerca: "Chi ha questo gruppo sanguigno è più protetto dal Covid"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento