Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Il centro di accoglienza di Lampedusa in fiamme, migrante intossicato

Secondo i carabinieri sarebbero stati alcuni ospiti della struttura ad appiccare il fuoco ad una stanza del padiglione che accoglie i minorenni

Un incendio ha danneggiato, stasera, il centro di accoglienza per migranti di Lampedusa.

Il rogo, che secondo le prime indicazioni che arrivano dagli inquirenti sarebbe stato appiccato dagli stessi extracomunitari, si è sviluppato intorno alle 20.30 in una stanza al primo piano del padiglione della struttura di contrada Imbriacola che accoglie gli immigranti minorenni che giungono nella più grande della Pelagie con i barconi.

Sul posto sono arrivati subito i vigili del fuoco ed i carabinieri della stazione cittadina. La tempestività con la quale hanno operato i pompieri, ha impedito alle fiamme di devastare il centro. I danni sono da quantificare, e comunque riguardano soltanto la stanza data alle fiamme. Non ci sono morti, ne feriti, ma uno degli ospiti della struttura sarebbe rimasto intossicato dal fumo ed ora viene curato dai medici. Le sue condizioni, in ogni caso, non destano preoccupazione. Le fiamme sono state domate nel giro di un'ora. 

Si tratta dell'ennesimo incendio registrato nella struttura di accoglienza. L'ultimo rogo, uno dei più gravi, si era verificato il 18 maggio scorso.  Allora venne appiccato il fuoco al padiglione "Uno", quello che aveva 144 posti per adulti di sesso maschile. La Squadra Mobile della Questura di Agrigento ha ricostruito subito la dinamica e le cause che avrebbero portato un gruppo di tunisini ad appiccare le fiamme.  Poche ore dopo vennero fermati, infatti, 7 tunisini. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il centro di accoglienza di Lampedusa in fiamme, migrante intossicato

AgrigentoNotizie è in caricamento