L'intimidazione a Patronaggio, il ministro della Giustizia gli telefona: "Solidarietà e vicinanza"

Bonafede chiama il procuratore, bersaglio delle minacce, anche per stemperare i toni dopo la polemica con altri esponenti del governo

Il ministro Alfonso Bonafede

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha telefonato al procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, per esprimergli "solidarietà e vicinanza" in merito alla nuova intimidazione subita ieri, quando nel suo ufficio è arrivata, per posta, una busta con una lettera minatoria e un proiettile di piccolo calibro.

Oggetto esplicito delle minacce, sia pure si parlasse in termini generici di immigrazione, la recente decisione della Procura di consentire lo sbarco dei migranti soccorsi a bordo della Sea Watch, dopo avere disposto il sequestro dell'imbarcazione. Per questi fatti, peraltro, il ministro dell'Interno Matteo Salvini, messo sotto inchiesta dallo stesso Patronaggio lo scorso agosto per il caso Diciotti, lo aveva attaccato pubblicamente. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • Incidente sulla statale 123, uomo perde controllo dell'auto: estratto dalle lamiere

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento