menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Diplomi facili", la Gdf sequestra 200mila euro a Canicattì

Il blitz, coordinato dalla Procura di Ragusa è stato compiuto da militari della Guardia di finanza ed ha riguardato più scuole paritarie della Sicilia dislocate nei territori provinciali di Ragusa, Siracusa, Catania e Agrigento. Le ipotesi di reato per le quali si procede sono truffa, falso e associazione per delinquere

Il blitz, coordinato dalla Procura di Ragusa è stato compiuto da militari della Guardia di finanza ed ha riguardato più scuole paritarie della Sicilia dislocate nei territori provinciali di Ragusa, Siracusa, Catania e Agrigento. Le ipotesi di reato per le quali si procede sono truffa, falso e associazione per delinquere

In provincia di Agrigento i controlli hanno riguardato l’istituto paritario “Luigi Pirandello” di Canicattì e l’indagine coinvolge il neo deputato regionale Antonio Cani che nella scuola ricopre un ruolo di rilievo. Cani primo dei non eletti nella lista Udc – Unione Di Centro – proprio la settimana scorsa ha rimpiazzato all’Ars il deputato dimissionario e oggi sindaco di Agrigento, Calogero Firetto. Nel corso della perquisizione nell’istituto paritario di Canicattì sono state sequestrate diverse decine di migliaia di euro. I controlli non sono stati ancora conclusi e sembra che altri uomini politici di rilievo risulterebbero coinvolti.

Gli uomini delle fiamme gialle hanno compiuto gli accertamenti in scuole paritarie in provincia di Agrigento in cui erano in corso gli esami di maturità. L'inchiesta della Guardia di finanza del comando provinciale di Ragusa su un presunto giro di "diplomi facili" di scuola media secondaria superiore ha coinvolto anche Licata.

In particolari i finanzieri oltre ad acquisire documentazione in segreteria hanno identificato tutti i candidati agli esami di maturità per accertare la coincidenza dell'identità tra iscritti agli esami e soggetti presenti in aula.
L'inchiesta che riguarda anche le province di Siracusa e Catania ipotizza i reati di truffa, falso e associazione per delinquere. Nell'Agrigentino accertamenti sono in corso presso l'istituto paritario "Luigi Pirandello" di Canicattì.

Al momento non sarebbero stati notificati avvisi di garanzia. Le indagini riprendono un vecchio filone d'inchiesta che avrebbe trovato nuovi spunti investigativi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento