menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'autovettura che è cappottata lungo la statale 115

L'autovettura che è cappottata lungo la statale 115

Statale 115, ruba l'auto e si ribalta: minorenne in gravi condizioni

Il diciassettenne è rimasto gravemente ferito ed è stato già trasferito con un elisoccorso all'ospedale "Sant'Elia" di Caltanissetta

Ruba un'autovettura - una Fiat Seicento - posteggiata in via Brancati, al Villaggio Mosè e scappa. Lungo la statale 115, con direzione Palma di Montechiaro, all'altezza di contrada Ciavolotta - subito dopo il bivio Crocca e prima del bivio per Naro - perde il controllo dell'utilitaria che violentemente si ribalta.

Il conducente - un diciassettenne originario di Santo Stefano Quisquina - è rimasto gravemente ferito. 

Sul posto è arrivata prima un'autoambulanza del 118. Accertate le gravi condizioni del minorenne è stato richiesto l'intervento dell'elisoccorso che ha trasferito il giovane al pronto soccorso dell'ospedale "Sant'Elia" di Caltanissetta.

Al lavoro i vigili del fuoco del comando provinciale di Villaseta che hanno estratto il giovane dalle accartocciate lamiere della Fiat Seicento, di colore grigio, e gli agenti della sezione "Volanti" della Questura. I poliziotti hanno subito accertato che l'utilitaria non apparteneva al minorenne, né a familiari. Rintracciata la proprietaria, è stato appurato che l'autovettura - che era stata lasciata posteggiata in via Brancati - era sparita. Era stata rubata senza che ancora la donna, la proprietaria, si fosse accorta di nulla.

Sempre i poliziotti delle "Volanti" si sono occupati dei rilievi tecnici per tentare di ricostruire la dinamica dell'incidente stradale autonomo. Sembra scontato che il sinistro stradale sia stato determinato dall'alta velocità e, probabilmente, da una manovra azzardata.

Il giovane, al Sant'Elia di Caltanissetta, è arrivato in codice di rosso ed, al momento, i medici lo stanno sottoponendo alla Tac per accertare quanto gravi siano le ferite ed i traumi riportati. La prognosi sulla vita è, naturalmente, riservata. 

Nelle prossime ore, il giovane verrà denunciato alla Procura presso il tribunale per i minorenni di Palermo, per l'ipotesi di reato di ricettazione. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento