Morì in ospedale dopo incidente sulla 640, sentito consulente della Procura

Andava fatto un esame angiografico. E' questo, in estrema sintesi, l'esito della consulenza redatta dal medico legale Pasquale Petruzzo che è stato sentito ieri

L'ospedale di Caltanissetta

Andava fatto un esame angiografico. E' questo, in estrema sintesi, l'esito della consulenza redatta dal medico legale Pasquale Petruzzo che è stato sentito ieri, quale consulente della Procura, dal pm durante il processo - che si celebra al tribunale di Caltanissetta - per la morte di Viviana Meli, 29 anni, di Palma di Montechiaro. Lo riporta oggi il quotidiano La Sicilia. La giovane morì nel settembre del 2012 dopo essere stata ricoverata all'ospedale "Sant'Elia" di Caltanissetta dopo che era rimasta coinvolta in un incidente stradale lungo la statale 640. L'accusa di omicidio colposa è contestata a diversi medici urologi, ortopedici ed anestesisti. 

Viviana Meli arrivò all'ospedale di Caltanissetta con una lesione ai reni che aveva causato una emorragia e con una frattura al femore. La giovane venne sottoposta ad intervento per ridurre la frattura al femore e non sembrò urgente l'intervento ai reni per fronteggiare l'emorragia. A novembre si tornerà in aula per ascoltare altri tre consulenti citati dal pm Nadia Caruso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento