menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Licata, fuoco nella casa di campagna del sindaco Cambiano: è intimidazione

Il rogo sembrerebbe essere partito dall'interno dell'abitazione. Potrebbe trattarsi di un chiaro messaggio rivolto al sindaco che in prima persona si è impegnato contro l'abusivismo. Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, in viaggio verso Licata

Un incendio è divampato nella casa di campagna del sindaco di Licata Angelo Cambiano, in contrada Stretto. Le tre squadre dei vigili del fuoco di Licata ed Agrigento sono riuscite a circoscrivere le fiamme, che hanno danneggiato una sola sanza della villa.

Secondo una prima ricostruzione investigativa, il rogo sarebbe partito dall'interno dell'abitazione: qualcuno è entrato dopo aver forzato la porta ed ha cosparso gli interni di liquido infiammabile. Nessun dubbio, quindi, avrebbero gli inquirenti sulla natura dolosa. Sul posto, oltre a vigili del fuoco, polizia e carabinieri, anche il prefetto ed il questore di Agrigento, Nicola Diomede e Mario Finocchiaro, assieme al sostituto procuratore di turno, Simona Faga.

Potrebbe trattarsi di un chiaro messaggio rivolto al sindaco che in prima persona si è impegnato contro l'abusivismo ed a far rispettare le sentenze passate in giudicato che sanciscono la necessità di abbattere diversi edifici e manufatti dichiarati come illegittimamente costruiti. 

Il primo cittadino di Licata sta portando avanti, assieme alla Procura di Agrigento, dopo aver sottoscritto lo scorso 7 ottobre il protocollo d'intesa con i magistrati di via Mazzini, gli interventi di demolizione delle case abusive di contrada Torre di Gaffe. Alla fine di aprile, quando l'impresa aggiudicataria subì delle intimidazioni, Cambiano era stato chiaro: «Questa città non si piega all'illegalità». Concetto che il sindaco licatese ha ampiamente ribadito su Raiuno durante la trasmissione "L'Arena".

L'inchiesta sull'incendio della casa di contrada Stretto, a Licata, è coordinata dal procuratore capo di Agrigento, Renato Di Natale, dall'aggiunto Ignazio Fonzo e dal sostituto Simona Faga. Ed il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, ha annunciato di volere incontrare il sindaco Cambiano in Municipio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento