Formazione, i sindacati:«Niente stipendi, ma Regione indifferente»

I rappresentanti sindacali ribadiscono che i lavoratori da oltre 14 mesi, nei casi migliori, non percepiscono il proprio salario, ma che questo non sembra interessare ai vertici regionali

Più di 100 i lavoratori della formazione professionale che, dalla provincia di Agrigento, ieri si sono recati a Palermo per sostenere la piattaforma unitaria Cgil, Cisl e Uil sulla vertenza formazione professionale. I sindacati confermano lo stato di agitazione del settore e annunciano nuove azioni di protesta

"Inaccettabile - dicono i sindacalisti Salvina Mangione, Gaspare Russello e Angela Pecoraro - l’indifferenza del Governo regionale e degli assessori di settore, che continuano a disdettare incontri e rinviare soluzioni urgenti. Sono già intervenuti 4000 licenziamenti su una platea di 8000 lavoratori e pare passi indifferente il destino di queste famiglie. Gli Enti annunciano ulteriori licenziamenti, eppure non pare chiaro qual è il disastro messo in atto dalla Regione. Non esiste un progetto di futuro per i nostri giovani, che oggi hanno manifestato insieme agli operatori del settore per rivendicare il proprio diritto di istruzione e formazione. Da oltre due anni sediamo ai tavoli provando a perseguire un percorso comune, che restituisca dignità e futuro ai lavoratori di un settore oramai distrutto, ma di quel percorso è rimasta ben poca strada".

I rappresentanti sindacali ribadiscono che i lavoratori da oltre 14 mesi, nei casi migliori, non percepiscono il proprio salario, ma che questo non sembra interessare ai vertici regionali.

"L’assessore e vice presidente Lo Bello ha ricevuto, al termine del corteo, una delegazione di lavoratori, le organizzazioni sindacali ed una delegazione di allievi del progetto "Prometeo", ma si è trattenuta per 20 minuti circa - raccontano Mangione, Russello e Pecoraro - per poi andare via e rincorrere l’ennesima emergenza e riproporre un ennesimo incontro per giovedì prossimo con la presenza dei due assessori (lavoro e istruzione) e del presidente Crocetta. Al tavolo il capo di Gabinetto ed il capo della Segreteria tecnica, ai quali è stato rappresentato lo stato di insoddisfazione, con un documento ricevuto dalla stessa rappresentante del Governo. Le sigle sindacali chiedono senso di responsabilità e soluzioni immediate e verificabili. Non è più tempo di rinvii e soluzioni tampone".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Covid-19, altri due casi in provincia: chiuso ristorante e richiamati tutti i clienti

  • La faida sull'asse Favara-Belgio, scatta l'operazione "Mosaico": raffica di arresti, trovate armi

  • Operazione "Mosaico": duplice tentato omicidio, ecco chi sono i 7 arrestati

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Il Covid non molla la sua presa: due nuovi casi a Favara, uno a San Biagio e Grotte

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento