rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Il verdetto / Favara

L'omicidio di Lorena Quaranta: condannato all'ergastolo il fidanzato

La Corte di assise esclude la premeditazione ma infligge il carcere a vita al ventinovenne Antonio De Pace: la ragazza, che studiava per diventare medico, fu picchiata, tramortita con degli oggetti contundenti e strangolata. Il movente, legato ad uno stato di ansia del giovane infermiere, non è stato mai messo a fuoco del tutto

Calci, pugni, colpi di lampada al volto e, infine, le mani sul collo per strozzarla: il ventinovenne Antonio De Pace avrebbe ucciso così, il 31 marzo del 2020, in pieno lockdown, la fidanzata Lorena Quaranta, di Favara, nel loro appartamento di Furci Siculo dove si erano trasferiti per frequentare i corsi dell'Università di Messina.

La Corte di assise di Messina lo ha condannato all'ergastolo ma ha escluso che la ferocia improvvisa e inspiegabile in quanti conoscevano i due giovani fidanzati sia stata premeditata. L'esclusione dell'aggravante non ha, comunque, evitato il carcere a vita che era stato chiesto dal pm Roberto Conte. 

De Pace era stato dichiarato capace di intendere e di volere e quindi imputabile, al termine della perizia effettuata per conto della procura dal professore Stefano Ferracuti che aveva evidenziato l'assenza di "disturbi psichitriaci" nel ragazzo di origini calabresi, all'epoca dei fatti vittima di una "importante condizione ansiosa".

Sarebbe stata l'ansia da Covid, secondo quanto ipotizzato, a scatenargli il raptus. Un movente che, comunque, non è stato mai compiutamente messo a fuoco. Il giovane infermiere dovrà pure risarcire i familiari della vittima che si sono costituiti parte civile con l'assistenza dell'avvocato Giuseppe Barba: la Corte ha stabilito pure una provvisionale - ovvero un anticipo subito esecutivo - di 200.000 euro.

La vicenda

La notte del 31 marzo Lorena Quaranta è morta dopo essere stata picchiata con calci e pugni, colpita con una lampada da comodino e strangolata. Tutto questo al termine di una lite con il fidanzato, iniziata la sera prima e terminata poi in tragedia nell'appartamento di Furci Siculo in cui i due abitavano. Poi il tentativo di suicidio, o comunque di ferirsi, di De Pace che si è procurato dei tagli prima di chiamare i carabinieri. 

Alla base una sola "giustificazione" agghiacciante: uno stato d'ansia che da giorni avrebbe tormentato il giovane, provocato dalla paura di essere stato contagiato dal coronavirus insieme alla stessa Lorena.

Ipotesi successivamente smentita dai tamponi effettuati su entrambi dal personale sanitario

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'omicidio di Lorena Quaranta: condannato all'ergastolo il fidanzato

AgrigentoNotizie è in caricamento