menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lorena Quaranta

Lorena Quaranta

L'omicidio di Lorena Quaranta, chiuse indagini sul fidanzato: contestata la premeditazione

La Procura si appresta a chiedere il rinvio a giudizio, spunta una nuova aggravante. I pm: "Aveva progettato di farlo, tanto che voleva trasferire i risparmi ai nipoti"

Indagini chiuse per Antonio De Pace, 28 anni, l’infermiere calabrese accusato di aver ucciso la fidanzata Lorena Quaranta di 27 anni, in una villetta di Furci siculo nel messinese. La Procura di Messina ha contestato al giovane  di aver ucciso la fidanzata tramortendola con un oggetto e, una volta immobilizzata, di averla soffocata.

Contestate anche tre aggravanti: in particolare, l'aver premeditato l’omicidio in quanto aveva inviato prima dei messaggi a familiari in cui diceva di voler trasferire dei risparmi che aveva accumulato ai nipoti; messaggi che poi aveva cancellato. Inoltre, secondo l’accusa, era entrato nella camera da letto dove c’era Lorena con un oggetto per colpirla e tramortirla. Infine, i magistrati gli contestano le aggravanti di aver commesso il fatto contro una persona a lui legata da vincoli affettivi e convivente e per  motivi abbietti e futili. L’omicidio si è verificò a Furci siculo il 31 marzo.

Era stato lo stesso De Pace a chiamare i carabinieri dopo aver tentato il suicidio. Lorena era stata trovata senza vita, uccisa probabilmente al culmine di una lite. La ragazza, originaria di Favara in provincia di Agrigento, frequentava l’ultimo anno della facoltà di Medicina e presto si sarebbe laureata. I familiari della ragazza si costituiranno parte civile con l'assistenza dell'avvocato Giuseppe Barba.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento