menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un frame agli atti dell'inchiesta

Un frame agli atti dell'inchiesta

Giro di spaccio a San Leone, al via udienza preliminare per sei imputati

Due difetti di notifiche fanno slittare l'inizio del procedimento scaturito dall'operazione “Sunlight drug”

Subito un rinvio per due mancate notifiche all'udienza preliminare, a carico di sei imputati, scaturita dall'operazione “Sunlight drug”, che il 9 novembre del 2019 ha fatto scattare cinque misure cautelari, nell’ambito di un’indagine che ipotizza un giro di spaccio di hashish, anfetamine, ecstasy e cocaina, a San Leone.

Il gup Luisa Turco, dopo avere verificato che l'avviso del procedimento non è stato correttamente inviato a tutte le parti, ha disposto uno stralcio e rinviato l'udienza al 20 settembre. L’ordinanza cautelare era stata emessa, su richiesta del pubblico ministero Gloria Andreoli, dal gip del tribunale di Agrigento, Alessandra Vella che aveva disposto gli arresti domiciliari per Alessandro Calogero Trupia, 31 anni; e Faisal Haouari, 28 anni. Obbligo di dimora con prescrizioni, invece, per Luigiandrea De Marco, 21 anni e Angelo Battaglia, 23 anni. Divieto di dimora in provincia di Agrigento, inoltre, per il gambiano Ebrahim Sanneh, 27 anni. Il sesto indagato, adesso imputato, che all'epoca, non fu raggiunto da alcuna misura cautelare è Marco Maraventano, 22 anni.

I difensori (gli avvocati Salvatore Pennica, Leonardo Marino, Vincenzo Caponnetto, Antonio Provenzani, Alfonso Neri, Antonio Di Cristofalo, Arnaldo Faro e Giuseppe Piazza), potranno scegliere un rito alternativo, come l’abbreviato o il patteggiamento. In caso contrario sarà il gup a decidere se disporre il rinvio a giudizio. Il rinvio preliminare non ha consentito di formalizzare alcuna strategia processuale.

L’indagine della polizia si è sviluppata nell'estate del 2018 a San Leone, frazione balneare maggiormente popolata e frequentata dai più giovani nei mesi più caldi dell’anno. La squadra mobile ha eseguito - tra maggio e settembre di quell’anno - appostamenti e intercettazioni, anche con l'ausilio di telecamere, che hanno permesso di portare alla luce, sostiene l’accusa, numerose cessioni di stupefacenti nel centralissimo piazzale Giglia, cuore della frazione balneare.

Gli indagati avrebbero spacciato noncuranti dei numerosi passanti e senza alcuna remora o precauzione. Nel corso delle indagini sono stati sequestrati hashish, anfetamine, ecstasy e cocaina, per un totale di circa 250 grammi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento