rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Cronaca

"Donna morta per insufficienza renale non diagnosticata", tre medici dal gup

La difesa sollecita una perizia: "Necessario fare chiarezza sulle due consulenze della Procura"

Una perizia per fare chiarezza sui presunti contrasti nelle due consulenze medico legali che accertano le cause del decesso. È stata chiesta dalla difesa dei tre medici imputati per la morte di una donna di 53 anni, Rosa Castiglione, avvenuta il 2 luglio del 2013. Si tratta di Marcella Indelicato, 49 anni, medico del pronto soccorso; Antonio Granata, 53 anni, primario del reparto di Nefrologia e Pasquale Zicari, 65 anni, medico chirurgo; tutti in servizio all’epoca all’ospedale San Giovanni di Dio.

Il pubblico ministero Alessandra Russo contesta loro di avere omesso una terapia idratante e non avere predisposto una tac che avrebbe potuto rimediare allo scompenso metabolico che stava portando la paziente alla morte a causa di una grave insufficienza renale. Ieri mattina i difensori degli imputati (gli avvocati Giuseppe Scozzari, Giusy Katiuscia Amato e Ignazio Valenza) hanno chiesto al gup Stefano Zammuto di disporre una perizia “per fare chiarezza e mettere ordine sulle due consulenze del pm che, peraltro, non sono state eseguite da un nefrologo”. Il giudice si è riservato di decidere e ha disposto un rinvio al 13 novembre. I familiari della donna, intanto, si sono costituiti parte civile con l’assistenza dell’avvocato Salvatore Virgone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Donna morta per insufficienza renale non diagnosticata", tre medici dal gup

AgrigentoNotizie è in caricamento