Emergenza Coronavirus, il sindaco di Cianciana: "Obbligatorio il tampone per chi arriva in paese"

La decisione, comprensiva della dovuta comunicazione della propria presenza all'ufficio Protezione civile, è stata presa dopo che si sono registrati due nuovi casi il cui ceppo proviene dal Belgio

Francesco Martorana

"Visto l’ulteriore evolversi dell’emergenza epidemiologica, chiunque rientri nel nostro comune da altre regioni o dall’estero dovrà segnalare la propria presenza all'ufficio di Protezione civile. Il proprio ingresso in paese dovrà essere accompagnato da tampone anti Covid 19 o test molecolare negativo effettuato nelle 72 ore antecedenti l’arrivo. Chiunque dovesse esserne privo sarà messo in quarantena obbligatoria presso la propria abitazione e dovrà sottoporsi ai test presso l’azienda sanitaria locale di riferimento". Lo ha dichiarato il sindaco di Cianciana, Francesco Martorana.

Nel piccolo Comune dell'Agrigentino, oggi, si sono registrati due nuovi contagi. E il ceppo è proveniente dal Belgio. Ecco perché, dunque, il sindaco è arrivato alla scelta del tampone obbligatorio pre o post ingresso e alla comunicazione della presenza sul territorio di Cianciana. 

Coronavirus, 41 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento