menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Donna venne uccisa da un'auto in transito, famiglia fa causa al Comune

In una prima istanza i parenti avevano presentato una causa contro l'automobilista, che però è stato assolto

Venne falciata da un'auto di passaggio dopo essere scesa dal marciapiede dopo aver incontato un ostacolo. A distanza di alcuni anni da quel fatto la famiglia chiede oggi un cospicuo risarcimento del danno per la perdita della loro congiunta.

I fatti risalgono al lontano 2005: la donna stava percorrendo la via Emporium quando ha dovuto lasciare il marciapiede per superare un albero che cresceva appunto su questo. La signora, purtroppo, non si accorse di un'auto che la travolse uccidendola.

In una prima istanza i parenti avevano presentato una causa contro l'automobilista, che però è stato assolto. Così i congiunti hanno pensato di chiamare in giudizio il Comune accusandolo di essere responsabile del sinistro per non aver provveduto a manutenere il marciapiede e ad eliminare l'albero che si trovava su di esso.

Una richiesta risarcitoria contro la quale il Comune si sta adesso costituendo in giudizio chiamando in giudizio l'assicurazione cui l'ente si rivolge in casi di questo tipo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento