menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cassazione: «Licenziamento illegittimo», Salvatore Callari mantiene il posto all'ex Asi

Salvatore Callari, dirigente tecnico presso il Consorzio Asi di Agrigento, con il patrocinio degli avvocati Rubino e la Loggia, è risultato vittorioso in tutti i gradi di giudizio, ed ha mantenuto il suo posto di lavoro, mentre l'Irsap pagherà le spese giudiziali anche per il ricorso davanti la Suprema Corte di Cassazione

Salvatore Callari, dirigente tecnico presso il Consorzio Asi di Agrigento, con il patrocinio degli avvocati Rubino e la Loggia, è risultato vittorioso in tutti i gradi di giudizio, ed ha mantenuto il suo posto di lavoro, mentre l'Irsap pagherà le spese giudiziali anche per il ricorso davanti la Suprema Corte di Cassazione.

L'ingegnere Callari aveva subito il recesso dal rapporto di lavoro con provvedimento dell'allora commissario straordinario Alfonso Cicero, ma il Tribunale di Agrigento lo aveva prontamente reintegrato in accoglimento di un ricorso patrocinato dagli avvocati Girolamo Rubino e Mario La Loggia, con conseguente condanna del datore di lavoro al risarcimento del danno in misura pari alla retribuzione globale dalla data del licenziamento alla data dell'effettiva reintegrazione, oltre rivalutazione monetaria ed interessi legali e oltre la condanna alle spese legali, liquidate in euro duemilacinquecento oltre accessori.

Il Giudice del Lavoro di Agrigento aveva definito "non giustificato il licenziamento posto in essere per ragioni meramente pretestuose, al limite della discriminazione, ovvero anche del tutto irrispettoso delle regole procedimentali che assicurano la correttezza dell'esercizio del diritto"; ed ancora aveva sottolineato che, nonostante l'istruttoria avesse escluso la sussitenza di una qualsiasi forma di responsabilità disciplinare, ciò nonostante il Commissario straordinario aveva ritenuto di recedere con effetto immediato dal rapporto di lavoro con il ricorrente.

Ma il Consorzio Asi di Agrigento in liquidazione propose un reclamo davanti la Corte di Appello di Palermo per la riforma della sentenza del Tribunale di Agrigento favorevole al Callari; quest'ultimo si è costituito in giudizio anche in grado di appello, sempre con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino e Mario La Loggia, per chiedere il rigetto del reclamo e la conferma della sentenza di primo grado. Anche la Corte d'Appello ha dato ragione a Callari, rigettando il reclamo proposto dal Consorzio Asi e condividendo la tesi sostenuta dagli avvocati Rubino e La Loggia secondo cui il procedimento disciplinare avrebbe dovuto essere istruito in forma collegiale dall'Ufficio procedimenti disciplinari ed anche il provvedimento finale avrebbe dovuto essere adottato dal predetto organismo, e non già dal Commissario straordinario.

Ma il Consorzio Asi in liquidazione di Agrigento, rappresentato da Cicero, ha proposto infine un ricorso davanti la Suprema Corte di Cassazione per la cassazione della sentenza della Corte d'Appello favorevole a Callari. Ma anche la Corte di Cassazione si è pronunciata in senso sfavorevole al Consorzio, confermando la nullità del licenziamento disciplinare e condannando il consorzio ricorrente anche al pagamento delle spese legali, liquidate in euro tremilacinquecento, oltre accessori.

A questo punto, alla fine della vicenda processuale, l'ingegnere Callari, con il patrocinio degli avvocati Rubino e la Loggia, è risultato vittorioso in tutti i gradi di giudizio, ed ha mantenuto il suo posto di lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento