rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Canicattì

"Sorpreso a cacciare con un fucile vietato", denunciato un 38enne

Lo rendono noto del guardie ambientali del Wwf di Caltanissetta, che avrebbero sorpreso il cacciatore agrigentino nel corso di un servizio di vigilanza nelle campagne di Serradifalco

Un cacciatore di 38 anni, originario di Canicattì, è stato denunciato perché sorpreso con un fucile non regolamentare. Lo rendono noto del guardie ambientali del Wwf di Caltanissetta, che avrebbero sorpreso il cacciatore agrigentino nel corso di un servizio di vigilanza in occasione della pre-apertura della caccia nelle campagne di Serradifalco.

Dai controlli dei pubblici ufficiali - ricostruiscono dal Wwf - è emerso che l'uomo utilizzava un fucile semiautomatico, calibro 12, marca “Benelli”, con il caricatore in grado di contenere più di due cartucce, quindi in violazione della legge 157/1992 sulla caccia, che vieta i fucili a più di tre colpi (due nel caricatore ed uno in canna).

Il cacciatore, quindi, è stato denunciato dalle fuardie Wwf alla Procura di Caltanissetta per il reato di “esercizio della caccia con mezzi vietati”, punito con l'ammenda fino a euro 1.549. Inoltre, - fanno sapere ancora dal Wwf - grazie all'intervento immediato del comandante della Stazione dei carabinieri di Serradifalco, maresciallo Tommaso Vozza, è stato sequestrato il fucile quale corpo del reato, con l'avallo del magistrato della Procura che lo ha convalidato. La contestazione in esame non prevede la sospensione della licenza di caccia salvo che il reo non si trovi in condizioni di recidiva, in tal caso è prevista anche la sospensione della licenza di caccia per un periodo da uno a tre anni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sorpreso a cacciare con un fucile vietato", denunciato un 38enne

AgrigentoNotizie è in caricamento