rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca

"Caso Belen", Ance: "Per risolvere i problemi della Sicilia ci rivolgeremo agli influencer"

Il presidente provinciale dell'associazione dei costruttori interviene polemicamente contro il governo regionale, anche il sindaco Valenti ha preso posizione

 “Dato che questo Governo Regionale è più attento alla visibilità social che alle rivendicazioni che arrivano dalle categorie professionali e dalle associazioni di categoria, ci rivolgeremo a Chiara Ferragni, Fedez o a Belen per risolvere i problemi della Sicilia”.

Non si placa la polemica nei confronti della politica siciliana dopo la "celerità" registrata sul tema della riserva naturalistica di Punta Bianca da parte del governo Musumeci dopo l'intervento social della showgirl Belen Rodriguez. Un risultato, sia chiaro, rispetto al quale in molti hanno manifestato grande soddisfazione dopo anni di battaglie, ma che ha posto per alcuni un tema sulle priorità della politica regionale.

Ad intervenire, è il presidente provinciale di Ance Agrigento Carmelo Salamone.

“Potremmo invitare gli influencer a far visita alle nostre opere incompiute - dice provocatoriamente Salamone - o condurli in un tour tra gli uffici regionali in modo che se ne possa decantare l’efficienza e l’operatività, o anche permettere loro di scattare qualche selfie durante le intense e produttive sedute dell’Assemblea regionale siciliana che si occupano, come noto, dei bisogni dei cittadini e delle categorie produttive. Potremmo chiedere loro di realizzare delle stories mentre spiegano ai cittadini le procedure burocratiche che oggi strangolano le aziende e minano tutti i principi della leale concorrenza”.

"Siamo molto preoccupati - conclude Salamone - dal fatto che oggi la necessità dell’apparire possa diventare l’esigenza primaria in vista delle elezioni regionali, mentre la gente, letteralmente, muore lungo le nostre strade non manutenute, non ha accesso a infrastrutture degne di questo nome, vede negato il rispetto alle legittime aspettative di sviluppo”.

Stamattina a prendere posizione era stato anche il sindaco di Santa Margherita di Belice, Francesco Valenti.

"Cara Belen, ho appreso dagli organi di stampa che subito dopo la tua visita alla Scala dei Turchi è stato avviato l’iter per l’istituzione della riserva naturale di Punta Bianca. Per favore, ti supplico, vedi se puoi fare un salto a Santa Margherita di Belìce, forse solo così riusciremo a completare la ricostruzione e realizzare le opere di urbanizzazione di un quartiere a quasi 54 dal sisma del 15 gennaio 1968. Vuoi vedere - continua - che fino ad oggi abbiamo sbagliato interlocutore? Noi come gli stupidi ci siamo rivolti a onorevoli, ministri, presidenti del consiglio. Che stolti! Pensa, abbiamo anche protestato in Piazza Montecitorio. Che imbecilli! Non continueremo a sbagliare. Ti assicuro che la prossima manifestazione di protesta la organizzeremo davanti la 'Casa del grande fratello'. Non darmi buca, ti prego".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Caso Belen", Ance: "Per risolvere i problemi della Sicilia ci rivolgeremo agli influencer"

AgrigentoNotizie è in caricamento