menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Attività anticrimine della polizia: Daspo per tifosi di Licata e Aragona

L'Ufficio misure di prevenzione ha emesso diversi provvedimenti nei confronti di alcuni soggetti ritenuti pericolosi per la sicurezza pubblica

Proseguono le attività anticrimine della polizia nel territorio agrigentino. L’Ufficio misure di prevenzione ha emesso diversi provvedimenti nei confronti di alcuni soggetti ritenuti pericolosi per la sicurezza pubblica.

Su segnalazione del commissariato di polizia di Licata, è stato emesso il Daspo, di quattro e tre anni, nei confronti di due tifosi della squadra di casa, per fatti avvenuti durante la partita disputata Licata-Canicattì presso il comunale Dino Liotta l’8 maggio scorso. Uno dei segnalati ha lanciato dei fumogeni in campo nel corso del match e l'altro ha scagliato un sasso contro le forze dell’ordine.

Daspo di un anno anche nei confronti di due tifosi di Aragona coinvolti in una lite avvenuta nel corso della partita Aragona-Ragusa, del campionato di Promozione, disputatasi nel febbraio 2016 presso lo stadio di casa, nella quale uno di essi ha riportato delle lesioni personali.

Avvisi orali “a tenere una condotta conforme alla legge” sono stati applicati dal questore di Agrigento nei confronti di due persone accusate, a vario titolo, di detenzione di stupefacenti, ricettazione, emissione di fatture per operazioni inesistenti, rapina, truffa e danneggiamento seguito da incendio.

Tra i provvedimenti, anche il foglio di via obbligatorio, che impone l’ordine di rimpatrio nel comune di residenza ed il contestuale divieto di ritorno nel comune dal quale è stato allontanato, senza la preventiva autorizzazione, nei confronti di due 39enni residenti a Catania e di due giovani favaresi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento