rotate-mobile
Cronaca Villaseta

"Insulti e minacce di morte ai carabinieri", arrestato un 30enne

Il giovane, accusato di resistenza a pubblico ufficiale, è stato posto agli arresti domiciliari

Insulti e minacce di morte ai carabinieri. Avrebbe dovuto essere, per i militari dell’Arma di Agrigento, un ordinario posto di controllo realizzato nel quartiere satellite di Villaseta. Si è trasformato però nell’occasione per essere verbalmente aggrediti da un trentenne. Un giovane agrigentino che è stato arrestato per l’ipotesi di reato di resistenza a pubblico ufficiale e che, su disposizione del sostituto procuratore di turno, è stato posto agli arresti domiciliari.

I carabinieri continuano ad essere, tanto in centro quanto nelle periferie della città dei Templi, impegnati per verificare il rispetto delle restrizioni – ormai decisamente alleggerite – anti Covid. Durante quello che doveva essere un ordinario posto di controllo, durante i quali viene naturalmente chiesta l’autocertificazione con il legittimo motivo per trovarsi fuori casa, il giovane sarebbe all’improvviso andato in escandescenze. Non è chiaro – non è stato reso noto – il perché. Di fatto, stando all’accusa, il trentenne – nella zona dell’ex centro commerciale di Villaseta – avrebbe iniziato ad inveire contro i due carabinieri, insultandoli e minacciandoli anche di morte. A nulla sono valsi i tentativi dei carabinieri che, consumatosi il reato, non hanno potuto far altro che arrestare il ragazzo e, su disposizione del sostituto procuratore di turno, collocarlo – in attesa dell’udienza di convalida – agli arresti domiciliari.

Non è la prima volta, né verosimilmente sarà l’ultima, che i carabinieri – così come le altre forze dell’ordine – vengono aggrediti verbalmente o anche fisicamente mentre svolgono il loro lavoro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Insulti e minacce di morte ai carabinieri", arrestato un 30enne

AgrigentoNotizie è in caricamento