Allerta "arancione", il Libero consorzio attiva il numero telefonico per le emergenze

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

L’Ufficio di Protezione Civile del Libero Consorzio di Agrigento ha attivato sin dalle ore 06:00 di stamani la sala operativa per la gestione di eventuali emergenze sul territorio agrigentino a causa delle cattive condizioni meteo. Com'è noto, infatti, ieri pomeriggio il Dipartimento Regionale della Protezione Civile (Centro Funzionale Decentrato Multirischio Integrato) ha emanato l'avviso di rischio meteo-idrogeologico e idraulico con codice Arancione per la giornata di oggi, con precipitazioni temporalesche intense e persistenti su tutta la regione, venti di burrasca dai quadranti sud orientali e mareggiate anche violente.
    Il Libero Consorzio ha attivato anche tutte le associazioni di volontariato iscritte nel registro provinciale di protezione civile che coadiuveranno il personale dell'Ufficio di Protezione Civile nella gestione di eventuali segnalazioni di emergenze. La Emergency Life di Porto Empedocle, in particolare, ha iniziato la sua attività di supporto sin dall'apertura della sala operativa. Attivo anche il numero telefonico per le emergenze: 3336141869 per le opportune segnalazioni.
    Ricordiamo che la previsione di rischio sarà valido sino alle ore 24 di oggi, 11 novembre. Al momento (ore 9.00) non sono state segnalate situazioni di particolare rischio sulle strade di competenza del Libero Consorzio, ma tutto il personale del Settore Infrastrutture Stradale (tecnici, capicantonieri e cantonieri) è all'opera per un attento monitoraggio della rete stradale e per intervenire in caso di presenza di fango e detriti o altre situazioni di pericolo sui vari tracciati.
    Resta sempre valido l'invito alla massima prudenza nel percorrere tutte le strade provinciali, ex consortili ed ex regionali a causa dei numerosi dissesti e delle non perfette condizioni dei tracciati.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento